• 21 Aprile 2021
  •  
Logudorolive

3 casi di Covid a Tula. Il Sindaco: «Ritardi nelle comunicazioni Ats»

Tula-panorama

3 casi di Covid a Tula. A renderlo noto il sindaco Gesuino Satta che allo stesso tempo denuncia i ritardi negli avvisi da parte dell’Ats, la quale non «comunica tempestivamente ai comuni i dati relativi alle positività al Covid riscontrate e questo mette in difficoltà le amministrazioni comunali che devono prendere i provvedimenti di loro competenza».

«Ciò malgrado – continua il primo cittadino – siamo a conoscenza della presenza di alcuni positivi in quarantena obbligatoria o facoltativa grazie alla segnalazione dei diretti interessati. Sulla base di queste informazioni allo stato attuale abbiamo 3 persone positive residenti e presenti a Tula. Numeri preoccupanti anche se non drammatici considerando che potrebbe manifestarsi qualche ulteriore contagio a livello familiare, anche se non c’è fortunatamente alcun focolaio».

«Non vi è dubbio – commenta Satta – che anche da noi come altrove questo sia conseguente ad un allentamento della tensione nei confronti del virus che dopo il periodo di chiusura totale sembrava non più aggressivo, anche se la seconda ondata era ampiamente prevista dalla comunità scientifica. Ritengo che gli atteggiamenti degli italiani e non solo siano stati influenzati anche da dichiarazioni avventate tendenti a ridurre o negare la malignità dell’infezione da Covid 19 che invece rimane importante e purtroppo ancora non del tutto conosciuto».

Da qui l’invito del Sindaco a tutti i cittadini «a prestare molta attenzione nei comportamenti individuali atti a prevenire la diffusione virale, cosa possibile anche stando all’interno della stessa casa, come l’esperienza anche locale ci ha insegnato».

«La battaglia contro il virus si vince – continua ancora Satta – non tanto e non solo con provvedimenti statali, regionali o locali ma con comportamenti corretti da parte di tutti noi con l’utilizzo delle mascherine, con il mantenimento delle distanze dalle altre persone e con l’igiene delle mani, misure ricordate tante volte e molto efficaci».

«Confido sulla sensibilità dei tulesi e nei comportamenti consapevoli che ci permetteranno di superare anche questa fase critica», conclude il Sindaco.