• 25 Settembre 2022
  •  

Accoltellamento a Marinella, arrestato il trapper Elia Di Genova

Trappe Elia di Genova

OLBIA. Sarebbe un trapper romano di 25 anni, Elia Di Genova, il presunto autore del grave accoltellamento inferto a un 35enne di Sassari – che colpito alla schiena ora rischia la paralisi –avvenuto la notte del 14 agosto scorso nella spiaggia di Marinella. Il ragazzo, al termine di una sinergica attività info-investigativa e dopo ininterrotte ricerche, nella tarda mattinata di ieri è stato individuato e sottoposto a fermo da parte dei Carabinieri della Stazione di Porto Rotondo e della Sezione operativa del NORM del Reparto Territoriale di Olbia, in collaborazione con i colleghi della Sezione Radiomobile e della Stazione di Porto Cervo.

Il cantante, conosciuto con il nome d’arte “Elia 17 Baby” e con diversi precedenti, sarebbe rimasto coinvolto nei fatti accaduti all’esterno di un locale di Marinella, dove diverse persone si sono rese protagoniste di scontri, venendo ripetutamente alle mani e affrontandosi nell’area dei parcheggi. Ancora da chiarire il ruolo del ragazzo nelle dinamiche delle liti, il quale sarebbe intervenuto per spalleggiare alcuni giovani romani a cui si era aggregato nel corso della serata. Da diversi testimoni, comunque, è stato indicato come l’autore dell’accoltellamento.

Dopo i fatti il trapper si era subito reso irreperibile, trovando prima rifugio in un alloggio a Cannigione, e poi in un hotel di Porto Cervo, ospite di un amico, da dove è stato prelevato dai militari.

Il fermo è stato concordato d’intesa con il Procuratore della Repubblica di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, che ha coordinato le attività di indagine.

Condotto inizialmente nel Reparto Territoriale per le formalità di rito, il giovane è stato trasferito nel carcere di Bancali, a Sassari. Su di lui pende l’accusa di tentato omicidio.

Le altre notizie su Logudorolive.it

nuvustudio