• 19 Settembre 2021
  •  

Agriturismi sardi: la riapertura ostacolata dalle disposizioni regionali anti Covid

Il direttore di Cia Sardegna, Alessandro Vacca: «Ordinanza incomprensibile e ingiusta».


L’ora della tanto attesa riapertura degli agriturismi sardi è arrivata, ma la difficoltà di comprendere e attuare le disposizioni regionali anti covid rischia di rendere vani gli sforzi degli imprenditori agricoli isolani.

«L’ordinanza emanata il 31 maggio 2021 dalla Regione Sardegna, che prevede il limite di presenze contemporanee nelle attività di servizi alla ristorazione, non superiore a una persona ogni 20 metri cubi d’aria, suscita molta perplessità, tanto da far apparire la misura incomprensibile, oltre che ingiusta», spiega il direttore regionale della Confederazione Italiana Agricoltori della Sardegna, Alessandro Vacca.

Ceramiche Farina

Dal 1 giugno hanno finalmente riavviato le attività i circa 870 (dato Istat) agriturismi isolani. Le prenotazioni stanno arrivando e le strutture agrituristiche sarde sono in grado di soddisfare le esigenze dei turisti garantendo prenotazioni flessibili e soggiorni in linea con tutte le prescrizioni previste per porre fine alla pandemia.

«Gli agriturismi sardi oltre che per i servizi di ristorazione eccellono per la qualità dei tanti servizi erogati, e ora, pur nella difficoltà oggettiva di applicare le disposizioni regionali, gli imprenditori metteranno al centro della loro programmazione il criterio della flessibilità», commenta ancora il direttore Vacca.

Sarà proprio la flessibilità a ispirare l’offerta agrituristica dei prossimi mesi, assecondando le esigenze dei visitatori, senza necessità di annullare le prenotazioni già fatte. Ai comportamenti consolidati quali il rispetto del distanziamento, l’accoglienza in sicurezza e l’uso delle mascherine, si aggiungerà prossimamente anche l’introduzione del green pass e è inoltre utilizzabile dai turisti italiani l’opportunità del bonus vacanze, che è stato recentemente rifinanziato dal governo italiano.

Anche per quanto riguarda gli arrivi dall’estero si spera di recuperare le perdite accumulate dall’inizio della pandemia. Si prevede che i turisti stranieri saranno per lo più europei, visto che potranno entrare in Italia compilando il Passenger Locator Form senza obbligo di quarantena, mentre sarà più complicato, e in alcuni casi anche vietato, l’ingresso dei turisti provenienti dagli altri Paesi. 

Leggi anche: AGRITURISMI SARDI, IN UN ANNO PERSI 40MILIONI DI EURO