• 28 Giugno 2022
  •  

Benetutti, presentato il libro di Gianni Meloni “L’Ardia e la festa”

Presentazione libro Gianni Meloni Benetutti
L’evento è stato organizzato dall’Associazione Sant’Elena.

È stato presentato sabato 14 maggio nei locali del cinema parrocchiale di Benetutti il libro di Gianni Meloni dal titolo “L’Ardia e la festa”. Un’iniziativa portata avanti dall’Associazione Sant’Elena, attiva da più di vent’anni in paese nell’ambito culturale e religioso. Un segnale importante di ripartenza dopo i due lunghi anni di pandemia che avevano completamente bloccato qualsiasi evento del genere in presenza. Alle 18 e 30, in un salone gremito di persone curiose e interessate, ha introdotto la serata la presidente dell’Associazione Sant’Elena Imperatrice, Tanina Sulas che ha poi passato la parola ai primi due relatori: don Gianni Palmas, parroco di Benetutti e il vice-sindaco Cristian Roccu, che hanno salutato e ringraziato tutti i presenti.

Benetutti presentazione libro Gianni Meloni Ardia e la festa

Successivamente ha preso la parola il professor Augusto Mulas, archeologo e docente di geo-storia al Liceo Scientifico di Bono, che ha parlato a lungo e in maniera approfondita delle testimonianze archeologiche rinvenute nei siti adiacenti a diversi santuari religiosi presenti nell’isola, fino ad arrivare proprio a fare un’analisi specifica di quello di San Costantino di Sedilo.

In seguito a questo intervento, l’autore del libro Gianni Meloni, classe 1969, sedilese, profondamente legato al suo territorio, ha voluto spiegare in maniera dettagliata la genesi del suo volume attraverso un’accurata analisi di testi, racconti e immagini. Il libro “L’Ardia e la festa” è una narrazione complessiva sulla festa di San Costantino, in cui si raccontano il culto religioso, il pellegrinaggio dei fedeli, le storiche narrazioni devozionali, gli ex-voto, il ruolo del clero e dei notabili nella comunità rurale di fine Ottocento ed inizio Novecento, ma soprattutto la storia dell’Ardia e le vicende dei cavalli e dei cavalieri, attinte dalla narrativa popolare e dalla memoria orale ricchissima di aneddoti.

La serata si è conclusa con un invito e momento conviviale offerto e curato dai membri dell’Associazione Sant’Elena.

Maria Francesca Ricci

Essebi Cossu
Webp.net gifmaker 1