• 28 Maggio 2022
  •  

Bilancio della Polizia Stradale: nel 2021 in Sardegna effettuati 35mila controlli

Polizia Stradale
Rilevati 15 incidenti mortali con 16 vittime e 367 incidenti con 489 persone ferite.

Tempo di bilancio per il Compartimento della Polizia Stradale Sardegna che, come il resto del territorio nazionale, anche l’Isola nel 2021 ha risentito dell’emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19.

In questo quadro lo scorso anno sono stati effettuati 35.000 controlli di persone e contestate 27.322 infrazioni al Codice della Strada. In particolare, le violazioni accertate per eccesso di velocità sono state 4.997, le patenti di guida ritirate sono state 2.115 e le carte di circolazione 1.250. Mentre i punti patente decurtati sono 59.718.

I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 14.338, di cui 661 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica, mentre quelli denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono stati 17.

L’attività infortunistica ha registrato una diminuzione dei casi rispetto al 2020, dove si erano rilevati 20 incidenti mortali con 21 vittime e 410 incidenti con 694 persone ferite. In particolare, nel 2021 sono stati rilevati 15 incidenti mortali con 16 vittime e 367 incidenti con 489 persone ferite.

Grazia Niedda 1

Per quanto riguarda il settore del trasporto professionale, sono state impiegati 168 poliziotti, che hanno controllato 1044 veicoli pesanti, di cui 20 di nazionalità straniera, accertando 325 infrazioni e ritirando 2 patenti di guida e 5 carte di circolazione.

L’attività investigativa è stata rivolta principalmente al contrasto dei fenomeni criminali legati al traffico illecito dei veicoli e ha determinato 6 deferimenti all’autorità Giudiziaria per 7 veicoli oggetto di riciclaggio e sottoposti a sequestro. I controlli agli esercizi pubblici sono stati 61 e hanno comportato la rilevazione di 12 infrazioni.

Lavoro encomiabile degli uomini e le donne della Polizia Stradale anche sul fronte della prevenzione. Infatti, nonostante la pandemia, gli agenti non si sono risparmiati per raggiungere l’obiettivo ambizioso di azzerare il numero delle vittime della strada. “Icaro”, “Biciscuola”, “L’unione fa la sicurezza”, “Guida e basta”, “Inverno in sicurezza e vacanze sicure”, sono solo alcune campagne di educazione stradale con cui la Polizia Stradale si è spesa per diffondere il messaggio di una guida consapevole soprattutto tra i giovani, che saranno gli automobilisti del futuro.

Un pensiero da parte tutti gli operatori della Stradale è stato riservato in ricorso al collega Marino Terrezza, che nel mese di luglio, durante un servizio di pattugliamento lungo un’arteria sarda, ha perso la vita prematuramente.

Becugna copia