• 24 Aprile 2024
  •  

“Borghi storici”, Osidda e Porto Rotondo al centro degli studi dell’Università di Cagliari

Osidda

Ha preso il via ufficialmente lo scorso 6 novembre il progetto “Borghi storici e influenze culturali nell’architettura contemporanea d’autore degli insediamenti turistici costieri in Sardegna. I Casi di studio Osidda e Porto Rotondo“. L’iniziativa, promossa dal dipartimento Ingegneria Civile, Ambientale e Architettonica dell’Università di Cagliari, prevede la collaborazione – già siglata con un protocollo di intenti –, dei Comuni di Osidda e di Olbia, del Consorzio di Porto Rotondo, della Fondazione Porto Rotondo e del Distretto 2080 Rotary.

Previsto, inoltre, il coinvolgimento del Ministero per la Cultura, della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Sassari e Nuoro, dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione Sardegna, degli Ordini professionali degli Ingegneri e degli Architetti della Sardegna e altre istituzioni.

L’obiettivo del lavoro, articolato in un percorso didattico e di ricerca, sarà quello di «investigare il rapporto tra le radici culturali dei borghi storici del nord Sardegna e i nuovi insediamenti costieri, con particolare attenzione all’uso costruttivo e decorativo del granito». In questo contesto, sono stati individuati quali «casi studio pilota, il centro storico di Osidda e l’insediamento d’autore di Porto Rotondo, anche nell’ottica di fornire un contributo scientifico al riconoscimento culturale dei due contesti territoriali e di promuoverne le relazioni culturali e la valorizzazione integrata».

Nello specifico, per quanto riguarda Osidda (219 abitanti), lo scopo è quello di costruire itinerari archeologi, architettonici-ambientali, artistici e naturalistici, anche sotto il profilo di un programma di conservazione e valorizzazione integrata delle risorse culturali del paesaggio storico. Tra gli altri propositi, l’individuazione delle problematiche connesse alla sostenibilità energetica del patrimonio pubblico e residenziale e lo studio della componente illuminotecnica per la valorizzazione notturna delle emergenze culturali con la costruzione di linee guida.

Osidda Centro Storico
Uno scorcio del centro storico di Osidda

Con riferimento a Porto Rotondo (frazione di Olbia) l’obiettivo è invece quello di creare un itinerario degli spazi urbani d’autore, storicizzati e inclusi nel primitivo progetto insediativo, in grado di valorizzare il patrimonio materiale e immateriale, quale la storia, i personaggi e gli artisti che ne hanno caratterizzato l’identità. Tutto questo anche attraverso la toponomastica, la documentazione – compresa quella multimediale –, l’individuazione di punti di aggregazione per eventi e spettacoli, la creazione di punti didattici e informativi per la valorizzazione delle architetture d’autore, delle quinte urbane “storiche“, del verde e dell’ambiente costiero, ma anche per la“narrazione letteraria della storia dei luoghi“.

Porto Rotondo
Le caratteristiche abitazioni di Porto Rotondo (Frazione di Olbia)

Infine, si cercherà di sviluppare elementi di riconnessione tra i due borghi e il paesaggio storico, con particolare attenzione per le sue componenti archeologiche (prenuragica, nuragica e romana), in una riflessione critica e di valorizzazione di un percorso dell’arte integrato.

Il progetto si articolerà in due fasi. La prima, già avviata, da ottobre a dicembre 2021, dove sono previste attività laboratoriali degli studenti della Laurea Magistrale in Architettura dell’Università degli Studi di Cagliari, con la partecipazione di esperti, istituzioni e personalità locali. In questo periodo sarà predisposto, inoltre, un dossier conoscitivo, contenente la sintesi storico-descrittiva, la cartografia di base e gli estratti bibliografici e documentari.

La seconda fase, da dicembre 2021 a maggio 2022, sarà invece interessata dall’attività di ricerca, condotta da docenti e ricercatori borsisti, per la costruzione delle linee guida per la valorizzazione dei siti oggetto di studio e la pubblicazione dei risultati. Il lavoro sarà presentato nella conferenza conclusiva che si terrà nei giorni 20-21-22 maggio 2022.

Foto di copertina: centro storico di Osidda

Ottica Muscas

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.