• 25 Settembre 2021
  •  

Chiusura Pronto soccorso di Isili, 15 sindaci riconsegnano la fascia a Solinas

Eugenio Lai (sindaco di Escolca): «Disgustoso il fatto che non solo non siamo stati ricevuti pur avendo annunciato la protesta, ma nessuno ha voluto prendere le fasce tricolori che sono rimaste appese al cancello».


CAGLIARI. Dopo la chiusura del Pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe Calasanzio di Isili, non si è fatta attendere la protesta dei sindaci del territorio che oggi a Cagliari in 15 hanno manifestato tutta la loro amarezza appendendo le fasce tricolori nell’ingresso di Villa Devoto, sede istituzionale della Presidenza della Regione.

«Oggi – scrive Eugenio Lai, sindaco di Escolca e consigliere regionale – con i Sindaci della Comunità Montana Sarcidano Barbagia di Seulo e quello di Escalaplano abbiamo riconsegnato al presidente Solinas le fasce tricolori rappresentanti delle nostre comunità».

«Il nostro – continua – non è un segnale di resa, ma di lotta di un territorio unito che ha visto negarsi il diritto alla salute. Il Presidente Solinas ha disatteso gli impegni assunti e come se non bastasse è arrivata la mannaia sul Pronto soccorso dell’ospedale San Giuseppe di Isili che mette a rischio le vite umane dei nostri concittadini. Disgustoso – conclude il sindaco – il fatto che non solo non siamo stati ricevuti pur avendo annunciato la protesta, ma nessuno ha voluto prendere le fasce tricolori che sono rimaste appese al cancello di Villa Devoto».

Ottica Muscas

La chiusura temporanea del Pronto soccorso di Isili è stata disposta nei giorni scorsi dopo il dirottamento del personale medico all’Unità operativa di Medicina dello stesso presidio. L’ordine di servizio, firmato dal direttore del Presidio operativo unico di Cagliari Sergio Marracini, si è reso necessario a causa dell’aumento dei casi di contagio nel sud Sardegna che ha accelerato la riconversione in punti Covid delle unità operative di medicina del Santissima Trinità di Cagliari, i cui pazienti ora saranno ospitati nei nosocomi di Isili e del San Marcellino di Muravera.

A preoccupare i Sindaci c’è anche la situazione delle vaccinazioni, che procedono a rilento, e lo smantellamento dell’Usca territoriale.

Intanto la deputata di Centro democratico Mara Lapia, componente della commissione Affari sociali e sanità della Camera, ha presentato un esposto in Procura a Cagliari dove si chiede alla magistratura «di fare chiarezza sulle cause che hanno portato all’inesorabile smantellamento del piccolo ospedale sino alla chiusura del Pronto soccorso».