• 22 Ottobre 2021
  •  

Ciusa (M5S): «Ennesimo schiaffo ai sardi, vaccini ai dipendenti dell’assessorato alla Sanità»

«Lunedì prossimo, il personale amministrativo dell’assessorato regionale alla Sanità riceverà il vaccino anticovid – denuncia Michele Ciusa, capogruppo del M5S in Regione –, con buona pace dei sardi anziani o affetti da gravi patologie che, invece, dovranno attendere ancora e chissà per quanto tempo. Quanto ho denunciato appena tre giorni fa sta emergendo ancora oggi: ci sono categorie di lavoratori che esclusivamente in virtù della propria forza contrattuale stanno scavalcando la fila e ottenendo le vaccinazioni prima di che ne ha più diritto come le persone anziane e quelle fragili, o gli insegnanti che ritorneranno a fare lezione in presenza».

Questo l’attacco di Michele Ciusa, che aggiunge: «Dopo la bacchettata del Presidente Draghi, da qualche giorno la campagna vaccinale sarda sta accelerando, ma se non si ha certezza che le ulteriori dosi utilizzate vengano somministrate alle categorie più a rischio si vanificherà presto il lavoro portato avanti».

Ottica Muscas

«Continuiamo pertanto a chiedere la massima trasparenza e regole chiare affinché la priorità venga data alle persone più esposte e in ordine d’età. Perché, oltre le dichiarazioni rassicuranti del Presidente Solinas, sappiamo bene che la campagna vaccinale sta procedendo in ordine sparso e del tutto illogico».

«Sia che si tratti di dosi di vaccino Pfizer o AstraZeneca non accettiamo che vengano vaccinati dipendenti amministrativi quarantenni anziché persone di età più avanzata che magari svolgono professioni a contatto con il pubblico e ne avrebbero in ogni caso diritto quanto i dipendenti regionali. Pretendiamo chiarezza e rispetto delle priorità reali, non di quelle create ad hoc per i più “forti”».