• 5 Dicembre 2021
  •  

Le creazioni ecosostenibili dell’artigiana Adelaide Carta nella Capitale per ALTAROMA

Fabio Mereu (presidente Confartigianato Imprese Sud Sardegna): «I nostri artigiani della moda non sono secondi a nessuno. Necessario valorizzare settore in crescita».


Le borse futuristiche e gli accessori ecosostenibili dell’artigiana sarda Adelaide Carta sono stati presentati ed esposti ad Altaroma, la manifestazione nazionale definita “centro propulsore della Moda Italiana”, che si è svolta nella Capitale a Cinecittà Studios.

Conosciuta come “Adelaide C.”, la fashion designer di borse e accessori vegan originaria di Guspini e componente del Gruppo Giovani di Confartigianato Sardegna, a Roma ha proposto “Anno 22”, la prima collezione “No season”, attraverso la quale ha voluto interpretare una nuova visione delle produzioni, incarnando i valori etici ed eco-sostenibili, allontanandosi dal concetto di “stagione” per atterrare nel nuovo ambito mondo di “no-limit”.

Indipendente e lungimirante nel proprio bagaglio culturale, la stilista guspinese nelle sue produzioni attinge dal passato, per ottenere immortalità e fascino senza tempo. Al di fuori delle tendenze passeggere e delle passioni momentanee, l’obiettivo dell’artigiana della moda nella manifestazione capitolina è stato quello di invertire il processo di autodistruzione ambientale generata dalla moda veloce; per questo, nei suoi lavori ha voluto utilizzare solo materiali riciclati provenienti da materie plastiche oceaniche e materiali vegetali a base di granturco, e dare nuove idee creative per pulire e rigenerare il pianeta.

Al di la della parentesi romana, ogni lavoro di Adelaide Carta, infatti, intreccia e valorizza sempre la cultura della Sardegna, utilizzando materiali ecologici e vegani facendo risaltare i dettagli di sughero e le stampe tradizionali, interpretando con lavorazioni all’avanguardia, forme pulite e colori decisi.

“Ancora una volta gli artigiani sardi sono nel gotha del fashion design internazionale – commenta Fabio Mereu, Presidente di Confartigianato Sud Sardegna – e di questo siamo molto orgogliosi anche perché queste piccole, ma preziosissime realtà, avranno la possibilità di presentare le proprie creazioni a una platea di interessati e acquirenti così ampia e qualificata”.

“La partecipazione delle imprese a queste manifestazioni – continua – è la riprova del fatto che anche in Sardegna si possa lavorare bene, realizzando produzioni che non temono la concorrenza. E, lo diciamo con orgoglio, i nostri artigiani della moda non sono secondi a nessuno”. “A livello regionale, nazionale e internazionale – sottolinea Mereu – la nostra Associazione sta svolgendo una intensa attività per offrire maggiori opportunità di crescita e per far conoscere la loro qualità a migliaia di compratori”.

“Il grande bacino della moda sarda – conclude il Presidente di Confartigianato Sud Sardegna – è come una “perla” da coltivare, valorizzare ed esporre in ogni “mercato” del Mondo. Ci auguriamo che anche la Regione possa supportare queste realtà nel loro percorso di crescita”.

Mamma in Sardegna