• 28 Luglio 2021
  •  

Domani Ozieri celebra la Giornata contro le mafie

Anche la città di Ozieri ricorda le vittime innocenti delle mafie con una manifestazione prevista per domani mattina alle ore 10 nell’anfiteatro all’aperto dei giardini del Cantaro.

OZIERI. La Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie giunge quest’anno alla sua XXVI edizione. Previste manifestazioni in tutta Italia in contemporanea a quella che si terrà a Roma domani, nel Parco della Musica, alla presenza del presidente della Repubblica Mattarella, con inizio alle ore 11.

L’evento, che da qualche anno è riconosciuto ufficialmente dallo Stato, sarà celebrato anche a Ozieri sabato mattina alle ore 10 nell’anfiteatro all’aperto dei giardini del Cantaro, vicino proprio alla targa ricordo della giovane poliziotta Emanuela Loi, morta nel 1992 nell’attentato contro il giudice Paolo Borsellino.

«Nel 2020 la Giornata ha subito i limiti della presenza fisica imposta dalla diffusione del Covid-19 e dalle norme attivate per combatterlo – spiegano i responsabili del Presidio territoriale di Libera “Don Pino Puglisi” che curano la manifestazione –. Quest’anno proviamo a ripartire coniugando la necessità di non organizzare grandi manifestazioni e assembramenti e il bisogno di vivere, in prima persona e con altri, un momento di memoria e impegno, in piena sicurezza».

Il momento più toccante sarà la lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie, davanti ai rappresentanti delle Istituzioni e delle Forze dell’Ordine, di associazioni culturali, religiose, civili e delle scuole cittadine.

«Leggere i nomi delle vittime, scandirli con cura – commentano i responsabili di Libera –, è un modo per far rivivere quegli uomini e quelle donne, per non far morire le idee e l’esempio di chi ha combattuto le mafie a viso aperto e non ha ceduto alle minacce e ai ricatti che gli imponevano di derogare dal proprio dovere professionale e civile. Storie pulsanti di vita, di passioni, di sacrifici, di amore per il bene comune e di affermazione di diritti e di libertà negate».

«Questa giornata è un momento di riflessione, di approfondimento e di incontro – spiegano –, di relazioni e di testimonianze attorno ai familiari delle vittime innocenti delle mafie, persone che hanno subito una grande lacerazione che noi tutti possiamo contribuire a ricucire, costruendo insieme una memoria comune a partire dalle storie di quelle vittime.  È anche il momento in cui dare spazio alla denuncia della presenza delle organizzazioni criminali mafiose e delle connivenze con politica, economia e massoneria deviate».

«Le mafie hanno modificato il loro modo di agire, rendendosi in alcuni casi più nascoste ma più invasive e pericolose. Per questo l’azione contro le mafie e la corruzione, e per la legalità, si deve rendere sempre innovativa, capace di leggere la complessità del presente, guardando le radici della storia e lo sguardo rivolto al futuro libero che vogliamo costruire», concludono i responsabili del Presidio Libera di Ozieri.

La manifestazione in caso di maltempo sarà celebrata nel teatro Teatro civico “Oriana Fallaci”, in via Sebastiano Satta.