• 27 Ottobre 2021
  •  

Domani Ozieri dà l’ultimo saluto a Gigi Ladu

Gigi Ladu - Ozieri

OZIERI. Nella notte fra venerdì e sabato è deceduto all’età di 66 anni per un improvviso malore Luigi “Gigi” Ladu. Sposato con Anna e padre di due figli, Eliana e Fabio, Gigi Ladu era molto conosciuto ad Ozieri e nell’hinterland per l’avviata attività di cartolibreria che gestiva con competenza, signorilità ed affettuoso orientamento verso la propria clientela, insieme alla moglie e al fratello Franco nella centralissima piazza Garibaldi. 

Gigi era però conosciuto ed amato anche per i suoi trascorsi sportivi. Infatti aveva militato per tanti anni da trequartista con addosso la casacca giallonera della Frassati, della quale fu validissimo giocatore e capitano, facendo parte della squadra che nell’83/84 conquistò la storica Promozione dopo l’epico spareggio con la Calmedia Bosa.

Gigi Ladu - Frassati
Gigi Ladu, secondo in piedi da sinistra, con la maglia della Frassati (1978-79)

Per tanti anni sui campi di mezza Sardegna e poi, con l’età, l’addio al calcio giocato e l’inizio di una breve carriera da “mister” della juniores e del Chilivani, prima di diventare dirigente e poi presidente dell’Ozierese Calcio. Anche in queste vesti si era sempre fatto apprezzare per le speciali doti di equilibrio che ne ispiravano ogni comportamento, ottenendo ottimi risultati e sfiorando più volte la promozione nella categoria superiore ma, soprattutto, dedicando un’attenzione tutta speciale per i tanti giovani del vivaio, che aveva curato anche personalmente e che per lui erano veramente importanti. 

Gigi, il secondo in piedi da destra, con la maglia della Frassati (1981-82)

Piace anche a noi ricordare che il Gigi calciatore aveva un intuito del tutto particolare nel risolvere a proprio favore i rimpalli (mister rimpallino, così lo chiamavano affettuosamente compagni e tifosi) e così spesso usciva da situazioni ingarbugliate con la palla al piede per involarsi verso la porta avversaria, non raramente in maniera produttiva. 

Ma, su tutto, erano le sue non comuni doti umane a far sì che tutti gli volessero bene ed oggi la sua favola sportiva continua per il tramite del figlio Fabio, già centrale difensivo di importanti formazioni dilettantistiche ed oggi perno della difesa dell Ozierese.

Non appena si è diffusa la notizia la famiglia è stata raggiunta da tantissime manifestazioni di affetto e vicinanza e sicuramente la sua sarà un’assenza pesante per tutti. Da “Logudorolive” e dall’intero mondo dello sport un abbraccio di condivisione del dolore alla famiglia e l’auspicio che il suo messaggio non venga disperso. RIP Gigi, che la terra ti sia lieve.

Raimondo Meledina

Il funerale si celebrerà domani mattina alle ore 10,30 nella chiesa di San Francesco.