• 17 Agosto 2022
  •  

A Escolca la proiezione dei documentari di Karim Galici dedicati alle comunità immigrate

Docufilm Karim Galici Escolca

ESCOLCA (SU). La lunga serie di iniziative in programma nel contesto dell’Estate Escolchese vede in calendario venerdì 15 luglio, alle ore 22 in piazza Anfiteatro, l’incontro con l’Associazione Cittadini del Mondo Odv, i suoi operatori e il regista, autore teatrale e cinematografico Karim Galici in occasione della proiezione dei due docufilm da lui diretti e prodotti dall’Associazione Cittadini del Mondo di Cagliari nell’ambito delle attività dedicate allo scambio culturale e conoscenza reciproca.

La serata sarà presentata e coordinata da Alessandra Sorcinelli, poetessa e animatrice culturale, che introdurrà la proiezione di “Dall’est con amore. Quattro storie di vita e integrazione” (durata 29 minuti) dedicato all’approfondimento dell’universo femminile nella diaspora immigrata. Quattro donne di generazioni e nazionalità diverse (bielorussa, kirghiza, russa, ucraina), con universali somiglianze. Quattro donne che arrivano dall’Est e hanno scelto la Sardegna come luogo dove vivere, crescere, lavorare e amare.

Pubblicità Logudorolive 2

Il secondo documentario si intitola invece “La vita sopra ogni cosa. Storia di un Padre Ortodosso in Sardegna” (durata 25 minuti) ed è dedicato al dialogo religioso e all’accoglienza che la Chiesa cattolica ha riservato ai fratelli ortodossi a seguito della forte presenza delle lavoratrici badanti dall’Europa dell’Est, per la gran parte di fede cristiana di rito orientale.

I docu-film permetteranno di ammirare alcuni scorci della Sardegna e conoscere l’esperienza di immigrazione, di integrazione e di accoglienza della diaspora proveniente dall’Europa orientale fortemente presente nel nostro paese e di discuterne con il regista, con gli operatori dell’Associazione, con il sindaco Eugenio Lai e con la comunità di Escolca che ha sempre dimostrato di essere fortemente accogliente sia attraverso le ospitalità dei bambini bielorussi nell’ambito dei progetti Chernobyl, con la presenza  di cittadini di originari dell’Europa Orientale oggi Escolchesi di adozione, e che nella prima fase dell’emergenza ucraina ha dato ospitalità ad una famiglia di profughi.

L’iniziativa itinerante fa parte del progetto “Conoscenza, integrazione e scambio reciproco” promosso da “Cittadini del Mondo” con il sostegno della Fondazione Sardegna che vede fra i partner anche l’Amministrazione comunale di Escolca e la locale Proloco.

Le prossime tappe sono in programma a Guasila, Genova, Biella, Pettinengo, Pisa, Siena, Perugia, inoltre alcune altre località sono in via di definizione.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it