• 18 Settembre 2021
  •  

Focolai Lingua blu, domani in Regione l’interrogazione di Daniele Cocco (LeU)

CAGLIARI. Domani mattina (7 settembre) il presidente del Gruppo Liberi e Uguali Sardigna Daniele Cocco, in occasione della seduta consiliare dedicata al Question time, interrogherà il presidente della Regione Sardegna Solinas e l’Assessore dell’Igiene e Sanità Nieddu sulla comparsa di nuovi focolai di Lingua blu in Sardegna e sulle azioni da adottare al fine di attivare specifici programmi e finanziamenti per risolvere l’emergenza sanitaria.

«Ho presentato una interrogazione sul dilagare in queste settimane dell’epidemia di Blue tongue in numerosi allevamenti ovini dell’isola e sulla necessità di reperire nell’immediato forza lavoro nel sistema veterinario regionale. Nonostante l’urgente necessità di veterinari sul territorio, con gravissime ripercussioni sull’economia agro-pastorale della Sardegna, l’ATS Sardegna continua a non assegnare le ore disponibili destinate ai medici specialisti ambulatoriali veterinari e a non attivare le procedure per la stabilizzazione dei Medici veterinari precari assunti con rapporto di lavoro a tempo determinato in servizio da almeno 36 mesi come già avvenuto per altre categorie di lavoratori della sanità».

Così il capogruppo di LeU in Consiglio regionale Daniele Cocco, che aggiunge: «I lavoratori precari della sanità patiscono da anni questa situazione di incertezza, costretti a condividere con le proprie famiglie una condizione di instabilità economica a causa della grave preoccupazione sul loro futuro professionale e sulla sicurezza del posto di lavoro. Nonostante le difficoltà nelle quali si dibattono, detti professionisti hanno sempre dimostrato grande professionalità e senso di responsabilità, garantendo la massima qualità del servizio e assicurando la continuità delle prestazioni professionali a tutto il comparto zootecnico regionale».

«Queste criticità – conclude Cocco – non possono più essere sostenute dai lavoratori e del Sistema veterinario isolano, è necessario che la Regione intervenga con azioni concrete e immediate nei confronti di preparati professionisti che da anni contribuiscono alla soluzione di numerose emergenze veterinarie che si verificano nel territorio».