• 18 Gennaio 2021
  •  
Logudorolive

Invasi della Sardegna ancora in deficit d’acqua

Invaso del Bidighinzu

L’ultimo bollettino del distretto idrografico, aggiornato al 30 novembre 2020, ha rilevato nel sistema degli invasi della Sardegna 1775,41 milioni di metri cubi d’acqua, pari al 66% del volume utile di regolazione autorizzato (1.775,41 mln). Rispetto al mese precedente (1.066,38 mln) l’incremento è stato di 109,86 milioni di metri cubi. Per quanto riguarda l’indicatore di stato per il monitoraggio e il preallarme della siccità, si registra attualmente una condizione di “preallerta” o livello di vigilanza, con un valore di 0,45. Di seguito i dati di alcuni bacini del Nord Sardegna.

Nell’invaso del Lerno su un volume di acqua di regolazione autorizzato di 34,45 milioni di metri cubi, al 30 novembre erano presenti 18,32 mln, pari al 53,18%. La situazione al 30 ottobre era di 14,62 mln (42,44%). Incremento in un mese: 3,7 mln. Lo scorso anno, nello stesso periodo, novembre 2019, il volume era di 20,74 milioni di metri cubi (60,20%).

Nel Coghinas invece su un volume autorizzato di 223,90 milioni di metri cubi, alla data del 30 novembre erano invasati 132,09 milioni, il 59%. La situazione a fine ottobre registrava 109,83 milioni di metri cubi (49,05). Incremento in un mese: 22,26 mln. Nel novembre 2019 invece il volume era di 186,62 milioni di metri cubi (83,35%).

Nel Bidighinzu (invaso in territorio di Bessude e Thiesi): volume di regolazione autorizzato 10,90 milioni di metri cubi, invasato al 30 novembre 3,98 (36,53%). Nel mese di ottobre 4,55 mln (41,72). Decremento in un mese: 0,57 mln. Nel novembre del 2019 il volume era di 10,90 mln (100%).

Nell’invaso di Sos Canales (Buddusò): volume di regolazione 3,58 milioni di metri cubi, invasato al 30 novembre 2,48 (69,27%). Mese di ottobre 1,24 (34,61%). Incremento in un mese: 1,24 mln. Nel Mese di novembre 2019 era 1,75 milioni di metri cubi (48,88%).

Nella foto: il bacino del Bidighinzu