• 19 Settembre 2021
  •  

Ippodromo di Chilivani, quinta giornata di corse con i purosangue inglesi e arabi

Ippodromo di Chilivani, la vittoria di Bellagioia alla terza giornata

Ippodromo di Chilivani. Lo sviluppo del programma della riunione primaverile prevede alla quinta giornata una pausa di riposo per la gran parte dei puledri anglo arabi di tre anni, essendo prevista domani una sola corsa per loro. Si da quindi spazio alle altre categorie di cavalli e saranno protagonisti i puro sangue inglesi ed arabi, nonché gli anglo arabi anziani.

Si inizia alle 14,30 col Premio Mastru Nino Simula per cavalli purosangue di 4 anni ed oltre, montati dai GR e Amazzoni, 2300 metri, 8 iscritti, nel quale Lorqueen e Gettyto, appaiono superiori ma dovranno portare un notevole peso per cui  avranno compito difficile. Ex Lover dovrebbe aspirare a batterli e Dawakh e Sophistication potrebbero inserirsi. Bice al training di Salvatore Muroni Jr. potrebbe fare la sorpresa.

Nel Premio dedicato ad Antonio Lepori, ippico leader della Scuderia L3C che ebbe l’onore di vincere il Derby italiano 2004 con Groom Tesse e Dario Vargiu, debuttano i puledri p.s.i. di due anni sulla distanza dei 1000 metri.

I sette soggetti al via vantano sulla carta buone genealogie ed in particolare Lagana e Priol de l’Alguer che difendono i colori della San Giuliano avanzano qualche pretesa con Priol in prima “nomination”. Calamoresca di Giuseppe Solinas è figlia di Vadamos che ha festeggiato il suo primo vincitore proprio a Chilivani l’anno scorso e ha i mezzi per eccellere così come si attende una buona prova da Furibondo di Gaetano Ledda. In sostanza però, essendo tutti al debutto, qualsiasi pronostico è un’incognita e non ci resta che attendere il risultato.

Ancora i purosangue in pista nel Premio Sebastiano Lepori, una corsa a vendere per soggetti di 3 anni ed oltre sulla distanza dei 1000 metri . Torna in pista Twilight Eclipse che ha vinto la settimana scorsa nonostante il peso proibitivo e stavolta, con peso appropriato, appare l’indiscusso favorito. Sud Sound System e Pintor Fisich potrebbero metterlo in difficoltà, mentre Amatrice Romana potrebbe migliorare la sua ultima prestazione.

Ai soggetti a fondo arabo di quattro anni ed oltre è dedicato il Premio Grandi Arredi Srl, distanza di 1800 metri, undici iscritti. Spicca il nome di Zio Fester, grande protagonista la scorsa stagione che dovrà vedersela con Baobab titolare di una serie di vittorie e vincente al debutto stagionale. Buran e Bobborino sono pronti ad approfittare di qualsiasi incertezza o esitazione.

Tornano in pista anche i purosangue arabi di 4 anni ed oltre sui 1800 metri e sono 13 gli iscritti. Prima doverosa citazione per Bellagioia che alla sua prima uscita ha fatto valere i diritti della sua classe, andando a vincere pur con qualche difficoltà di traffico. Dietro di essa fece molto bene Bontà sarda alla quale pertanto spetta credibilità e fiducia. Era piaciuto anche Fidel che potrebbe essere protagonista non dimenticando Zefiro di Chia e Vulcanobybonorvesu.

Il programma si chiuderà con il Premio Domita Case in legno, unica corsa riservata ai puledri anglo arabi, stavolta è il turno dei fondo arabo e gli occhi sono puntati su Cara e Istella e Cansidu che hanno vinto al debutto e sono attesi ad una conferma della loro effettiva qualità. Buone possibilità di inserirsi per le prime piazze dovrebbero mettere a frutto Chi l’ha visto, Chiocciola e Clara che avevano ben impressionato al debutto.

Si apprende della possibilità di riapertura degli ippodromi a partire dal 15 maggio. Se le voci sono fondate può dunque darsi che il prossimo convegno all’ippodromo di Chilivali del 21 maggio sia aperto al pubblico.

Diego Satta

In copertina: la vittoria di Bellagioia alla terza giornata (Foto di Monica Scano)

Ceramiche Farina