• 12 Luglio 2024
  •  

“Leggende sarde. Còntos de ochile”, venerdì la presentazione a Nuoro del graphic novel dei racconti di Grazia Deledda

Contos de ochile
L’ambientazione e lo stile grafico adottato dall’illustratore Luca Albergoni richiama il paesaggio dell’isola a inizio ‘900, come doveva apparire negli anni in cui la Deledda presentava le sue Leggende al vasto pubblico.

NUORO | 4 febbraio 2024. Numerosi eventi e celebrazioni sono stati organizzati nel 150° dalla sua nascita per rendere omaggio a Grazia Deledda. Tra la  miriade di iniziative si distingue l’opera di Luca Albergoni (Paciolus) scelta dal circolo “Sarda tellus” di Genova per raccontare in modo diverso la grande scrittrice nuorese. Il lavoro sarà presentato da Enzo Cugusi all’Auditorium dell’ISRE, Istituto Superiore Regionale Etnografico di Nuoro, venerdì 9 febbraio in anteprima assoluta.

Il progetto culturale “Leggende sarde. Còntos de ochile” nasce sotto l’egida della Provincia di Nuoro in quanto risultato il migliore fra quelli in gara al concorso di idee bandito l’anno scorso in occasione delle celebrazioni deleddiane.

“Còntos de ochile. Con questo nome che rievoca le serate famigliari passate accanto al camino, in Sardegna vengono chiamate le fiabe, le leggende e tutte le narrazioni smarrite nella nebbia di epoche diverse dalla nostra”. Così Grazia Deledda introduce ai lettori di Natura Ed Arte le Leggende Sarde, frammenti di un patrimonio narrativo orale da lei raccolti e trascritti, pubblicate sulla rivista a partire dal 1894.

Crediat esserete istatu Santu Michelli Arcanzelu

Tramite sequenze disegnate il progetto illustra le Leggende deleddiane, affiancando al testo italiano un adattamento in lingua sarda di Tomasina Albergoni. L’ambientazione e lo stile grafico adottato dall’illustratore Luca Albergoni richiama il paesaggio dell’isola a inizio ‘900, come doveva apparire negli anni in cui la Deledda presentava le sue Leggende al vasto pubblico e come lo vediamo rappresentato nelle opere dei grandi pittori figurativi di quell’epoca (Biasi, Delitala, Ballero).

Con un linguaggio simile a quello del graphic novel (o del libro illustrato) l’elemento letterario e la scansione disegnata si integrano in un libro digitale arricchendosi – grazie alla multimedialità offerta dal formato ebook – della voce narrante di Alessia Argiolas.

Grazie ad un lavoro di compositing delle immagini, realizzato da Roberto Ledda, e alle elaborazioni musicali e sonore di Davide Sardo e Riccardo Culeddu, la trasposizione delle Leggende diventa inoltre un video clip, piccolo audiovisivo di circa undici minuti simile ad un cortometraggio animato.

Attraverso tutti i vari supporti disponibili, diversificati per differenti modalità di fruizione modulabili a seconda di varie tipologie di pubblico, questa trasposizione delle Leggende Sarde mira – partendo dai ragazzi – ad ampliare la platea dei fruitori, riavvicinandola (o magari introducendola) alla ricchezza del patrimonio immateriale della Sardegna ed al mondo letterario di Grazia Deledda.

“Leggende sarde. Còntos de ochile ” è destinato al grande pubblico e alla più ampia diffusione grazie al contributo distributivo ed economico, assicurato dall’associazione bolognese “Visioni da Ichnussa“.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.