• 23 Febbraio 2024
  •  

Monti, la chiesa di San Paolo entra a far parte del cammino “La via dei Santuari”

San Paolo eremita Monti
Il sindaco Mutzu: «Questo progetto consentirà di generare un’offerta turistica attrattiva durante tutto il periodo dell’anno, attivando un sistema che coinvolgerà inevitabilmente le attività ricettive, la ristorazione e i prodotti enogastronomici locali».

MONTI. «Con grande soddisfazione, dopo  un anno di incontri con lo staff tecnico dell’assessorato al Turismo Ras Sardegna, il santuario dedicato a San Paolo primo eremita entra a far parte del cammino “La via dei Santuari”». È quanto afferma il delegato alle associazioni del Comune di Monti, Gavino Sanna, incaricato dal sindaco a seguire l’iter e sottoscrivere l’intesa di protocollo.

«Questo progetto della Regione ha importanti presupposti – evidenzia Sanna –, perché mette in rete i Comuni (24), investendo sulla valorizzazione di beni culturali e monumentali eccezionali come i Novenari sardi che diventano meta di viandanti e gruppi di pellegrini».

Il progetto, proposto dall’associazione Camminantes e fatto proprio dall’Assessorato al Turismo della Ras Sardegna, nasce con l’obiettivo della riscoperta e della riattivazione dei percorsi di pellegrinaggio verso gli antichi Novenari della Sardegna.

Mamma in Sardegna

«Lo scorso 2 marzo, con la firma del protocollo d’intesa proposto dall’assessorato regionale al Turismo, si è concluso l’iter per il riconoscimento e l’iscrizione del cammino “La via dei Santuari” nel registro dei Cammini», spiega il sindaco Emanuele Mutzu, che ha seguito passo passo il percorso procedurale.

«Il Comune di Monti – continua – entra a far parte del cammino con il santuario di San Paolo Eremita, un luogo di forte spiritualità, ma nel contempo di grande interesse storico culturale e naturalistico. Entriamo a far parte di questo circuito con altri 23 comuni per far riscoprire insieme i percorsi di pellegrinaggio verso gli antichi santuari. Questo progetto ha importanti presupposti – prosegue il Sindaco –, perché il cammino consentirà di generare un’offerta turistica attrattiva durante tutto il periodo dell’anno, attivando un sistema che coinvolgerà inevitabilmente le attività ricettive, la ristorazione e i prodotti enogastronomici locali».

«Il turismo religioso – conclude il primo cittadino di Monti –, è intriso di grandi potenzialità in quanto si presta ad essere collegato alle vie del gusto, ai percorsi di interesse storico, culturale e naturalistico, tutte esperienze che puntano a far conoscere il nostro territorio e le nostre tradizioni sia ai fedeli ma anche ai turisti non credenti, durante tutto l’anno e quindi anche nei periodi di bassa stagione».

Giuseppe Mattioli

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.