• 12 Luglio 2024
  •  

Monti, grande successo per l’8^ edizione della rassegna di poesia “Su puritzolu montinu”

Monti Su purinzolu montinu
Hanno presentato i loro componimenti ben 34 poeti provenienti da diverse aree linguistiche della Sardegna.

MONTI | 17 gennaio 2024. L’ottava edizione della rassegna di poesia a tema libero “Su puritzolu montinu”, promossa dall’associazione culturale “Sos Misureris”, con l’apporto del Comune di Monti, della Fondazione di Sardegna, della Regione Autonoma della Sardegna, delle locali compagnie di caccia grossa e l’ausilio dei giovani del Servizio civile, ha riservato significative novità: la collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Monti; la presenza di ben 34 poeti; l’intervento di tante poetesse, mai così numerose rispetto alle passate edizioni; l’esibizione di alcuni alunni della scuola di organetto diatonico “Sos Misureris”.

Nata con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio linguistico dell’isola, la rassegna ha proposto liriche in logudorese, gallurese, campidanese, sorsese, nuorese e ogliastrino. Tante parlate, espressione di un solo popolo, quello sardo.

Su purinzolu montinu Monti 2

Dopo i saluti del sindaco Emanuele Mutzu e quelli, in limba, del presidente dell’associazione Mario Fiori, la manifestazione è stata coordinata da Gavino Sanna, delegato comunale alle associazioni. Si è partiti con l’esibizione degli alunni della 5^ elementare, con un divertente sketch, guidati dalle insegnanti Laura Spanu e Irene Pradella. Mentre quelli della 2^ media, coordinati dall’insegnante Rita Marzeddu, hanno letto alcune intramontabili poesie di grandi autori. Tutti gli studenti sono stati applauditi calorosamente dal folto pubblico presente alla “Casa del Miele”.

Su purinzoli montinu Monti

Poi, la rassegna è entrata nel vivo con la sequela delle poesie, declamate dagli autori con trasporto emotivo, a volte con talento interpretativo, toccando temi scottanti: le morti dei bambini nelle guerre, il femminicidio, l’intelligenza artificiale, anticamera della morte della fantasia, il talento poetico. L’intermezzo musicale dei giovanissimi suonatori di organetto diatonico ha preceduto la Messa celebrata dal parroco don Pierluigi Sini in onore di San Martino. Al termine si è svolta la premiazione di due cacciatrici, Stefania Casu e Leonarda Corda. Il momento conviviale ha chiuso la manifestazione.

Giuseppe Mattioli

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.