• 15 Gennaio 2021
  •  
Logudorolive

Monti, la Cantina del Vermentino in evidenza al “Decanter World Wine Awars” di Londra

MONTI. Ancora un’ottima affermazione dei vini della Cantina sociale del Vermentino al “Decanter World Wine Awars” che si è svolto a Londra. Il Funtanaliras Oro annata 2019, conquista la medaglia d’argento e il Galana – Colli del Limbara – annata 2015, quella di bronzo. Il Decanter World Wine Awars è giudicato dai più autorevoli esperti e professionisti del Wine business “il più grande e prestigioso concorso vinicolo al mondo”. Sono riconosciuti a livello internazionale per l’affidabilità del loro rigoroso processo di degustazione e selezione. Al concorso, giunto alla 17esima edizione, hanno partecipato ben 16.518 vini, provenienti dai cinque continenti, valutati alla cieca da una giuria di oltre 100 esperti. Nella competizione mondiale l’Italia si è piazzata al secondo posto con 2765 riconoscimenti a prova di una qualità generale in crescita tanto nei grandi vini classici, quanto sui vini prodotti da uve autoctone di cui l’Italia e la Sardegna hanno una ricchezza unica al mondo. Questa è stata la prima volta che la Cantina del Vermentino partecipava e ha riportato a casa due premi importanti che riguardano il top della produzione dei vini a bacca bianca (Funtanaliras) e rossa (Galana), tanto apprezzati in giro per il mondo che stanno facendo la storia della Cantina. A ricevere la notizia l’addetto commerciale Franco Pirastru che con soddisfazione ha dichiarato: «Abbiamo sempre creduto in questi vini. Questa ennesima attestazione conferma i premi ricevuti qualche mese fa in altri concorsi nazionali e internazionali riservati al mondo del vino. Quest’ultima affermazione è anche un riconoscimento del magnifico gioco di squadra che coinvolge tutti: dai dirigenti, all’enologo, dall’agronomo, a tutto il personale dello stabilimento, per finire ai soci che con sacrifici e passione conferiscono un prodotto di qualità». Un discorso a parte merita l’enologo Alberto Raccanelli, grande professionista, “inventore” di entrambi i vini, e una vita dedicata alla Cantina del Vermentino. Quest’ultimo riconoscimento è stato accolto dai viticoltori come un auspicio per nuovi traguardi della cooperativa.