• 14 Giugno 2021
  •  

Online l’Asta degli arieti di razza sarda provenienti dal centro di Bonassai

Anche gli arieti si acquistano online. È la sperimentazione riuscita con successo dell’Assonapa, l’Associazione nazionale della pastorizia guidata dal presidente Battista Cualbu che per la prima volta, con la collaborazione dell’Agenzia Agris e dell’AARS (Associazione Allevatori Regione Sardegna) ha spostato online l’asta degli arieti di razza sarda provenienti dal centro di Bonassai.
L’asta che si è tenuta dal 20 al 28 aprile ha messo in vetrina 36 arieti provenienti dal centro arieti di razza sarda di Bonassai che sono stati tutti acquistati da 22 allevatori.

«Una formula totalmente innovativa che abbiamo sperimentato ad un evento che fa della presenza il suo punto di forza – afferma Battista Cualbu –, ma nonostante ciò abbiamo registrato un’ottima partecipazione e la vendita di tutti gli arieti in asta lo dimostra. Certo per il prossimo anno ci auguriamo di farla in presenza perchè oltre ad esaltare il momento tecnico le aste, cosi come le fiere sono momenti di confronto e socialità tra allevatori e tecnici».

Ceramiche Farina

All’Asta hanno partecipato arieti geneticamente testati con genotipo Scrapie omozigote resistente, elemento che garantisce ancor di più il valore dei capi. I prezzi spuntati per i 36 arieti vanno da un minimo di 350 euro ad un massimo di 850 euro.

«Dall’apertura della consultazione online del catalogo abbiamo riscontrato molta attenzione ed interesse degli allevatori alla qualità delle caratteristiche morfologiche degli arieti e al loro benessere – sottolinea il direttore dell’Assonapa Silverio Grande – Nel ringraziare Agris e AARS per la collaborazione, il successo di questa asta ci fa ben sperare per l’immediato futuro e ci dà maggior slancio nel proseguimento dei progetti di selezione della razza ovina Sarda».

«Una collaborazione quella con Assonapa che si consoliderà – afferma Francesco Baule, commissario straordinario Agris -. Abbiamo infatti accolto favorevolmente la loro proposta di dar vita ad un centro unico per gli arieti di razza sarda dove speriamo di poter svolgere il prossimo anno l’asta in presenza».