• 2 Marzo 2024
  •  

Oristano. «Visite di follow up oncologico sospese», la denuncia di Solinas (M5s)

Ospedale San Martino Oristano
Il Consigliere regionale annuncia il deposito di un’interrogazione al Presidente della Regione e all’assessore alla Sanità Doria.

ORISTANO | 10 gennaio 2024. «Il danno è enorme: all’ospedale San Martino di Oristano tutte le visite di follow up alle quali devono sottoporsi periodicamente i pazienti che hanno avuto un tumore sono state sospese e attualmente per quanto riguarda le prenotazioni di gennaio non ci sono date certe sui futuri appuntamenti». Lo denuncia il capogruppo del Movimento 5 stelle in consiglio regionale Alessandro Solinas, che annuncia il deposito di un’interrogazione al Presidente della Regione e all’assessore alla Sanità Doria.

Per capire la portata di questa decisione dalle conseguenze rovinose, dovuta ancora una volta alla carenza di medici – sottolinea Solinas –, basti considerare che nel reparto di Oncologia ed Ematologia del San Martino ogni anno vengono effettuate circa 20mila visite e che circa un terzo riguarda i follow up. Non è ammissibile – prosegue – decidere di gestire i pazienti oncologici con il personale ridotto all’osso a scapito dei pazienti dimessi. I casi di recidiva di malattia non possono essere repentinamente individuati e trattati e i pazienti vengono esposti a rischi altissimi».

In questo quadro «dobbiamo inoltre considerare – evidenzia Solinas – che le terapie per i malati oncologici non possono essere gestite dal medico di base, quindi si tratta di una grandissima fascia di pazienti abbandonata dal sistema sanitario pubblico. Questa situazione inoltre potrebbe aggravarsi nei prossimi mesi ed è necessario e urgente intervenire adesso con la predisposizione di nuovi bandi per il reclutamento di oncologi, altrimenti sarà troppo tardi».

«Altra grave problematica – continua l’esponente dei 5 stelle – riguarda la riduzione dei posti letto nel reparto di Medicina, che attualmente opera con soli sei medici per una trentina di posti letto. Un numero insufficiente se consideriamo che prima della pandemia ne ospitava oltre sessanta. L’assistenza è stata praticamente dimezzata e il carico di lavoro dei medici è diventato disumano. In sei è impossibile coprire tutti i turni h24, pertanto si rende necessario il supporto di colleghi di altri reparti che a loro volta vengono sguarniti. Questo è il quadro catastrofico nell’Oristanese. Non stupisce purtroppo che i medici scelgano il trasferimento o di lavorare nel privato. Anche all’ospedale di Ghilarza, un presidio a bassa intensità, i venticinque posti letto prima presenti sono spariti. Complessivamente rispetto a tre anni fa sono cinquantacinque i posti letto mancanti. Una vergogna», conclude Alessandro Solinas.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.