• 28 Luglio 2021
  •  

A Ozieri nasce “S’Aggiudu”, nuovo centro di assistenza domiciliare

“S’Aggiudu” si occupa di fornire consulenza alle famiglie per l’erogazione di servizi specializzati nella cura ed assistenza di anziani e familiari in difficoltà.


OZIERI. Un’esperienza di vita vissuta, un occhio attento alla realtà che ci circonda e l’analisi di un bisogno che le fasce più deboli spesso hanno nella quotidianità sono state la molla propulsiva che ha fatto crescere un’idea nell’ozierese Patrizia Paba subito dopo trasformata in iniziativa imprenditoriale che si inserisce, in tutto il territorio, dal Logudoro al Goceano e sino al Meilogu, nel panorama variegato di servizio e assistenza agli anziani.

Come a volte capita, ci si accorge di un buco nel sistema, quando ci cadiamo dentro e così è stato anche per Paba che dovendo far fronte ad una situazione di emergenza familiare si è scontrata con diverse difficoltà difficili da superare.

«La non autosufficienza di nostra madre ci ha messo nelle condizioni di non essere più in grado di gestirla da soli e di avere necessità di un aiuto “esterno” alla famiglia – ha detto l’imprenditrice –. Ricercare e trovare la persona più idonea che assista un proprio caro non è stata cosa affatto semplice. La ricerca si affida al passaparola e trovare la persona giusta dipende spesse volte dal caso. Dall’altra parte invece, ci sono tante persone disponibili a fare assistenza domiciliare più o meno qualificate e anche loro trovano lavoro in modo del tutto casuale sempre attraverso un passaparola».

Ottica Muscas

Dopo aver frequentato un corso per diventare “Consulente per la Terza Età”, Patrizia Paba ha deciso di mettere a frutto le competenze creando “S’Aggiudu”, un Centro di Assistenza Domiciliare che si occuperà di fornire consulenza alle famiglie per l’erogazione di servizi specializzati nella cura ed assistenza di anziani e familiari in difficoltà.

Ci saranno consulenze personalizzate in base ad ogni esigenza assistenziale diurna e notturna, per brevi o lunghi periodi e il servizio erogato dall’assistente familiare garantirà il mantenimento del massimo livello di autonomia della persona assistita, compatibilmente con le sue condizioni psico-fisiche. Un colloquio per capire la situazione generale sarà il primo passo a cui seguirà poi la ricerca e la selezione della figura con il profilo professionale più adatto al caso specifico e, una volta instaurato il rapporto tra assistente ed assistito, ci potrà essere un monitoraggio periodico del servizio ed anche la preparazione delle pratiche necessarie all’ottenimento di contributi alle spese sostenute per l’assistenza domiciliare, erogati da Enti Pubblici.

«Purtroppo la popolazione ha un’età media elevata e il welfare non riesce a rispondere a tutte le richieste – ha concluso Patrizia –. Proprio per questo abbiamo pensato di offrire servizi personalizzati e “calati” sulla specifica realtà di ciascuna famiglia».

Chiunque avesse bisogno di un contatto o di approfondire le informazioni potrà farlo alla mail saggiudu@gmail.com, su facebook.com/saggiudu o ai numeri 079 787221, Patrizia Paba 339 53 79 888 e Daniela Paba 379 23 33 786.

Foto: it.freepik.com