• 29 Novembre 2021
  •  

Panathlon Club Ozieri, consegnati i premi agli alfieri dello Sport e del Fair play

Sabato 23 ottobre il Panathlon Club Ozieri, le Istituzioni e “lo sport” zonale si sono dati convegno nel Chiostro del Centro Culturale dell’ex Convento di San Francesco per la consegna dei premi che hanno gratificato singoli atleti e Associazioni sportive che hanno interpretato al meglio, per risultati e comportamenti, i valori del Panathlon International.

Presente l’Assessore allo Sport Matteo Taras, che ha portato il saluto del Comune di Ozieri. La cerimonia ha avuto inizio con la consegna, in una comprensibile atmosfera di grande commozione, dei premi alla memoria ai familiari degli indimenticati calciatori di Ozierese e Frassati Luigi Zappareddu e Gigi Ladu e dello sfortunato fantino Pietro Alberto Brocca, deceduto dopo una malaugurata caduta sul campo di gara di San Rossore a Pisa.

Sono stati poi consegnati dei riconoscimenti alle Associazioni “Non metteteci il bastone fra le ruote” e “Possibilmente onlus” e quindi ai sodalizi sportivi che hanno collaborato ai progetti “Lo sport è per tutti” e “Io rispetto il ciclista”, le ASD Atletica Ozieri, Sardegna Sport & Natura, Canottieri Elettra Tula, Tennis Club Ozieri, Demones Basket Ozieri e Bocciofila il Ponte.

Il Premio Biennale Panathlon Club Ozieri assegnato a Gian Matteo Punzurudu. Nella foto, insieme al presidente Panathlon Giuseppe Volpe, i genitori del campione paralimpico mentre ritirano il prestigioso riconoscimento

Per quanto riguarda i singoli, premio per l’attività a Giuseppe Pazzola, runner oschirese dell’Atletica Ozieri, e per lo schermidore Gianluca Manca per la sua brillante “seconda” carriera più che mai ancora in corso.

Questa 21esima edizione del Premio era dedicata allo scomparso Salvatore Sistu, già uomo di punta del Panathlon Ozieri, di cui è stato per tanti anni vice-presidente e nella circostanza i suoi familiari hanno potuto ricevere, insieme all’abbraccio di tutti i Soci, una targa, a suggello del ricordo che l’indimenticabile “Muccinelli” ha lasciato in quanti lo hanno conosciuto ed il cui vuoto sarà davvero difficile da colmare, con l’impegno di coltivare quei valori di umiltà e servizio a lui tanto cari oltre che quotidianamente praticati.

Bruno Farina mentre riceve il premio Fair-play dalle mani di Raimondo Meledina

L’assegnazione del premio Fair-play a Bruno Farina, ciclista ancora in attività nel settore della MTB e campione regionale di categoria, oltre che animatore sportivo e dirigente-fondatore dell’ASD Sardegna Sport & Natura e del Premio Biennale Panathlon Club Ozieri a Gian Matteo Punzurudu, campione paralimpico italiano di lancio del peso e del disco ed argento nel giavellotto, hanno chiuso le consegne dei riconoscimenti, a cui è seguito il tradizionale momento conviviale nel corso del quale, insieme ai commenti ed ai buoni propositi, ci si è dati anche l’appuntamento all’edizione 2023 del Premio, avviato a grandi passi verso il mezzo secolo di vita, più partecipato e vitale che mai.