• 29 Gennaio 2022
  •  

Pattada: l’ass. alla Sanità Nieddu incontra Angelo Carboni, da 18 anni affetto da Sla

Trova risposta la lettera inviata dai coniugi Carboni all’esponente della Giunta Solinas, nella quale si chiedeva di modificare la norma che esclude la copertura delle cosiddette “spese correlate alla malattia”.

PATTADA. È arrivata lunedì 25 ottobre, la risposta tanto attesa alla lettera che circa un mese fa Angelo Carboni, affetto da SLA da 18 anni, e sua moglie Maria Giovanna inviarono all’Assessore alla sanità della Regione Autonoma della Sardegna, dottor Mario Nieddu. Nel pomeriggio di lunedì, l’Assessore e il suo staff, accompagnati anche dal capogruppo della Lega Dario Giagoni, si sono recati personalmente a casa dei coniugi Carboni a Pattada e si sono potuti rendere conto con i loro occhi della quotidianità che vive un malato di SLA.

I coniugi Carboni con l’assessore alla Sanità Mario Nieddu

Hanno potuto ascoltare Angelo che dal suo sintetizzatore oculare ha raccontato con chiarezza e dignità la condizione che lui e tanti malati di SLA, dei quali si fa portavoce, sono costretti a vivere ogni giorno. Ha presentato punto per punto il perché delle richieste espresse nella sua dettagliata lettera, mentre amorevolmente la moglie Maria Giovanna ogni 15-20 minuti provvedeva a monitorare la sua ventilazione e all’aspirazione delle secrezioni bronchiali.

Ha raccontato anche dei suoi libri Angelo, della sua passione per la cultura, del suo attaccamento alla vita, e lo ha fatto anche questa volta, come riporta la sera stessa l’onorevole Giagoni in un suo post su Fb: «Mettendoci il sorriso, dimostrando che la forza di volontà e la voglia di fare per sé e per gli altri è più forte di qualsiasi cosa, dimostrando che l’immobilità fisica non corrisponde all’immobilismo mentale, dando una gran lezione di vita a tutti noi».

Una visita molto importante, dunque, sia dal punto di vista istituzionale che umano e che ha portato di fatto all’approvazione della modifica all’emendamento n. 86, art. 5, che, “…a decorrere dal 2022, riporta ai comuni la gestione diretta dei contributi previsti dal programma sperimentale “Ritornare a casa Plus” e stanzia delle somme più eque per la copertura delle spese correlate alla malattia, quali le spese sostenute per medicinali, protesi, ausili, presidi, servizi e assistenza alla persona, per energia elettrica e riscaldamento”.  Una risposta concreta, quindi, a delle richieste che non potevano rimanere inascoltate.

Maria Francesca Ricci

Foto di copertina: Angelo Carboni con l’assessore Nieddu e il capogruppo della Lega Dario Giagoni

Leggi anche: PATTADA. ANGELO CARBONI: «NOI MALATI DI SLA CI SENTIAMO ABBANDONATI E UMILIATI»

Ottica Muscas