• 28 Maggio 2022
  •  

Perquisizioni a Ozieri, Bono e Pattada. Il vescovo Melis: «Dolore e rammarico per un’iniziativa incomprensibile»

Vescovo di Ozieri

OZIERI. Questa mattina la Guardia di Finanza ha perquisito su disposizione della Procura di Sassari le sedi dei presunti beneficiari, e persone a loro collegate, nell’ambito dell’inchiesta dei fondi che dallo Ior e dalla Cei sarebbero andati a enti facenti capo a parenti e amici del cardinale Angelo Becciu, al tempo dei fatti Sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato vaticana. I controlli sono stati effettuati a Roma, OzieriPattada e Bono. Il filone di indagine dei magistrati sardi – come riportato dall’Adnkronos – non sarebbe direttamente collegato a quello dei promotori di giustizia vaticani.

A seguito della nuova perquisizione è intervenuto l’avvocato Ivano Iai a nome e nell’interesse della Diocesi di Ozieri, rappresentata dal Vescovo Mons. Corrado Melis. «Nel manifestare formale rispetto verso l’Autorità Giudiziaria procedente ma anche dolore e rammarico per un’iniziativa così incomprensibile e destabilizzante – si legge nel comunicato –, si rappresenta che l’attività investigativa in corso appare prima facie infondata, consistendo in accertamenti peraltro eseguiti nello scorso mese di luglio a seguito di contestazioni già smentite sul piano contabile e documentale.

Sarà, quindi, dimostrata la piena legittimità dell’operato della Diocesi, della Caritas e della Spes, le cui finalità e concrete attività hanno esclusiva natura solidale e di carità istituzionalmente proprie di tali enti.

Si riafferma, allora, per l’ennesima e, si confida, ultima occasione, che la Diocesi di Ozieri ha sempre operato nel rispetto delle finalità religiose e solidali anche sul piano economico, impegnando le proprie risorse nello spirito di interventi mai affrancati da comprovate situazioni di disagio individuale, familiare o lavorativo.

E nell’apprestare siffatti interventi, la Diocesi che si identifica nell’operato della Caritas locale e, con essa, si avvale della preziosa collaborazione della cooperativa solidale senza fini di lucro Spes, suo concreto e reale braccio operativo, cui sono state destinate somme regolarmente documentate, contabilizzate e rendicontate nell’inequivocabile e incontestabile assenza di interferenze o condizionamenti da parte di alcuno, men che meno di S.Em. Rev.ma il Cardinale Angelo Becciu, del tutto estraneo alle iniziative dell’ente religioso».

Leggi anche: PERQUISITA DALLA GUARDIA DI FINANZA LA COOP. SPES, DIOCESI E CARITAS DI OZIERI

CONTROLLI ALLA DIOCESI DI OZIERI, AVVOCATO IAI: «SCELTA UNA STRADA INUTILMENTE DOLOROSA»

Ottica Muscas