• 23 Aprile 2024
  •  

Raccolta firme referendum contro invio armi in Ucraina, si mobilita anche la Sardegna

Referendum contro invio armi Ucraina
Il Comitato nazionale “Fermare la Guerra” punta alla cancellazione dei decreti legge che permettono al Governo italiano di mandare armi in Ucraina in quantità segrete e illimitate.

CAGLIARI. «Mentre in tutti i sondaggi la maggioranza degli Italiani si dichiara contraria all’invio di armi in Ucraina, la politica ufficiale, di destra e di sinistra, continua a schierare l’Italia in prima linea nel conflitto. Per questo l’unica strada per far rispettare la volontà degli Italiani e i principi fondamentali della Costituzione (art. 11 “l’Italia ripudia la guerra”) è usare l’arma referendaria». Così il comitato nazionale “Fermare la Guerra”, che annuncia la raccolta di firme per due quesiti referendari per cancellare i decreti legge che permettono al Governo italiano di mandare armi in Ucraina in quantità segrete e illimitate.

Italia per la pace” è il Il titolo della campagna referendaria contro l’invio di armi in zone di guerra in cui sono confluiti i quesiti del comitato “Generazione futura” e del comitato “Ripudia la guerra”.

Comitato fermare la guerra referendum

Dobbiamo liberarci da tutte le sudditanze atlantiche che ci impediscono di assumere quel ruolo di mediazione e di ponte in Europa e nel Mediterraneo che discende dalla nostra identità e dalla nostra storia.

«La mobilitazione vedrà la Sardegna in prima linea con decine di banchetti e iniziative come falsh mob o sit-in per chiedere subito lo stop alle armi all’Ucraina», dichiarano Pierpaolo Cotza, presidente regionale del Comitato e Simone Spiga, portavoce regionale.

Il primo circolo nell’isola del Comitato “Fermare la Guerra” nato a livello nazionale, su impulso di Gianni Alemanno (nella foto in alto), è stato ufficialmente costituito a Cagliari nei giorni scorsi.

Contro invio armi Ucraina referendum

Le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.