• 15 Maggio 2021
  •  

Sassari, Rizzeddu: 10 mesi senza bando, 85 lavoratori appesi a un filo

Desirè Manca

Interrogazione di Desirè Manca (M5S) all’assessore Nieddu.


«Di male in peggio. Anziché migliorare sono nettamente peggiorate le condizioni in cui versano i cento lavoratori della Cooperativa Elleuno di Sassari, da anni impiegati nei servizi di assistenza terapeutico-riabilitativa rivolti ai pazienti psichiatrici delle strutture sanitarie di Rizzeddu».

Queste le parole della consigliera regionale dei Cinque Stelle Desirè Manca che spiega inoltre: «Con la Deliberazione del 29 marzo scorso, il Commissario straordinario dell’ATS ha consentito alla Cooperativa Elleuno di continuare a gestire il servizio mediante una proroga di soli tre mesi, eventualmente rinnovabili. Un provvedimento che rischia di compromettere ulteriormente le precarie condizioni occupazionali dei lavoratori di Rizzeddu. Questo perché l’affidamento in proroga prevede condizioni economiche rapportate al numero dei pazienti effettivamente assistiti. Una condizione inaccettabile alla luce delle difficoltà attuali, ma soprattutto che mette seriamente a rischio la continuità del servizio e decine di posti di lavoro».

Studio legale Niedda Masala

«Il numero dei pazienti attualmente assistiti è stato notevolmente ridimensionato proprio a causa dei ritardi accumulati dalla Regione – continua Manca – che non ha ancora provveduto ad accreditare la nuova struttura sanitaria di Ploaghe, individuata come sede dei pazienti di Rizzeddu. Non solo – aggiunge – dopo la chiusura del centro “I Mandorli”, dallo scorso marzo, numerosi pazienti sono stati trasferiti presso strutture assistenziali private».

Per queste ragioni la pentastellata Desirè Manca ha presentato un’interrogazione all’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu per chiedere quali atti e misure intenda adottare per garantire l’immediato avvio della nuova procedura ad evidenza pubblica, fondamentale per risolvere la situazione.

«La prossima settimana lavoratori e rappresentanze sindacali – aggiunge ancora Mancascenderanno in piazza per protestare contro l’immobilismo della Regione. Un coro di voci al quale mi unirò sicuramente dal momento che tutti gli atti a mia prima firma depositati in Consiglio regionale per chiedere che venisse bandita con urgenza una nuova gara d’appalto sono rimasti senza risposta. Questa proroga tra l’altro mette l’appaltatore nelle condizioni di dichiarare esuberi per quasi il 50 per cento dei lavoratori».

Nell’interrogazione a prima firma di Desirè Manca si chiede inoltre all’assessore Nieddu «quali atti e misure intenda adottare per garantire un numero di posti letto pubblici nelle strutture residenziali per i pazienti psichiatrici adeguato alle effettive esigenze del bacino di riferimento».