• 22 Maggio 2022
  •  

Servizio degli speleologi del Soccorso Alpino all’evento sportivo “Villacidro Skyrace”

CNSAS Villacidro Skyrace

La manifestazione sportiva Villacidro Skyrace, organizzata da Margiani Team ASD di Villacidro, anche per l’edizione di quest’anno si è avvalsa del servizio di assistenza del Soccorso Alpino e Speleologico Sardegna della Sardegna.

L’evento, che ha visto la partecipazione nella giornata di ieri (24 aprile) di numerosi runners internazionali, prevedeva alcune gare di corsa, con percorsi caratterizzati da tratti anche impervi, rispettivamente lunghe 21 km e 58 km che, dal centro storico di Villacidro si sono snodati fino alle cime delle montagne circostanti, con passaggi esposti e in cresta. Lungo il percorso sono stati attrezzati alcuni tratti con corde e cavi metallici per agevolare il passaggio dei concorrenti.

CNSAS Villacidro

Lungo il percorso erano presenti 10 tecnici delle stazioni di Cagliari, Medio Campidanoe Iglesias, che insieme alla squadra in turno in guardia attiva hanno presidiato l’area e vigilato sui punti critici per la buona riuscita della manifestazione pronti ad intervenire nel caso di necessità.

Quest’anno ai partecipanti sono stati consegnati dei voucher per poter scaricare l’applicazione GeoResQ, il servizio di geolocalizzazione gestito dal Soccorso Alpino e promosso dal Club Alpino Italiano, che permette, tra le varie funzioni, anche un rapido inoltro delle richieste d’aiuto in caso di emergenza.

CNSASS

Essendo una gara in montagna, caratterizzata da importanti dislivelli e un notevole livello tecnico, la ‘Villacidro Skyrace’ è entrata a far parte a pieno titolo del circuito nazionale Skyrunner National Series, rappresentando la prima tappa del campionato nazionale e l’unica in Sardegna, che si è dovuta necessariamente avvalere, oltre all’assistenza sanitaria dei tecnici specializzati nel soccorso in ambiente impervio del Soccorso Alpino e Speleologico della Sardegna, anche della consulenza tecnica di una Guida Alpina che ha presenziato lungo il percorso.

Mamma in Sardegna