• 28 Maggio 2022
  •  

Stefano Arzu simbolo di un’agricoltura allo stremo: solidarietà di Coldiretti Sardegna

Stefano Arzu Coldiretti Sardegna

Domani mattina, mercoledì 2 febbraio, una delegazione di Coldiretti Sardegna guidata dal presidente e direttore regionale Battista Cualbu e Luca Saba e dal presidente e direttore della Federazione locale Nuoro Ogliastra Leonardo Salis e Alessandro Serra saranno a Talana per portare la solidarietà dell’Organizzazione agricola al socio e dirigente Stefano Arzu dopo essere stato costretto a denunciare pubblicamente, con il gesto estremo di consegnare i propri animali al sindaco di Talana, la grave difficoltà che sta vivendo a causa del mancato ricevimento del Premio unico e del benessere animale dei suini che sta mandando in corto circuito una azienda modello in un momento particolarmente difficile per tutto il mondo agricolo.

Stefano Arzu, persona onesta e generosa oltre che un lavoratore instancabile, rappresenta un modello per Coldiretti che lo ha sempre portato ad esempio per la sua determinazione, coraggio e intuizione di aver dato vita nel periodo più nero della suinicoltura sarda massacrata dalla peste suina africana ad un allevamento in semibrado nel massimo rispetto di tutte le prescrizioni sulla biosicurezza.

Negli ultimi anni ha lottato e portato avanti la propria azienda con grande passione nonostante sia stato tartassato dalle continue limitazioni e blocchi di movimentazione dei propri animali per casi di peste suina estranei alla sua azienda che aveva l’unica colpa di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Blocchi che gli hanno causato ingenti perdite dovute alla mancata vendita dei suini (causando oltre la mancata vendita anche ulteriori spese di mangime e lavoro).

Non solo da alcuni anni Stefano Arzu ha ritardi per alcune anomalie non imputabili né all’azienda agricole e neppure al Centro di assistenza agricola Coldiretti Nuoro Ogliastra che ha presentato la domanda e sta seguendo da mesi negli uffici di Argea la sua pratica, come quella di tanti altri soci che si trovano nelle stesse condizioni. A questo si è aggiunto anche il ritardo nel percepire il benessere animale dei suini del 2021.

Becugna copia

Cifre importanti per una azienda dai numeri importanti e liquidità vitali per un’azienda suinicola che arriva anche da due anni neri a causa del Covid, perché il settore è tra quelli che maggiormente ha risentito delle prescrizioni per limitare la diffusione del virus.  

Stefano domenica ha denunciato questo stato di cose aggravato dal rincaro indiscriminato di tutte le materie prime a cominciare dai mangimi (oltre il 40%) energie elettrica (80%), gasolio (50%) ecc., che stanno mettendo in seria difficoltà la tenuta di migliaia di aziende agricole e della trasformazione e lo ha fatto mettendoci la faccia, vista la sua riconosciuta generosità, anche a nome di tutti i colleghi dei vari settori agricoli.

«Tutto il comparto agricolo, da quello dell’allevamento a quello agricolo, sta vivendo momenti di forte crisi e difficoltà a causa del rincaro prezzi, della pessima annata e di una cieca ed elefantiaca burocrazia che sta raggiungendo livelli assurdi e paradossali – denuncia il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu –. Stanno mettendo in crisi anche realtà prime sconosciute a questi temi come la Cooperativa di Arborea che ieri lo ha denunciato pubblicamente».

«Per questo – continua il direttore Luca Saba – abbiamo chiesto e continuiamo a sollecitare (mettendoci a disposizione), la Regione con a capo l’assessorato all’Agricoltura ed Argea a prendersi carico e risolvere in tempi velocissimi le varie anomalie delle pratiche e dei vari sistemi ed algoritmi, in particolare in questo momento, in cui le aziende sono allo stremo».

“A maggior ragione – dicono Cualbu e Saba – non capiamo l’uscita improvvida e non documentata dell’Assessora all’Agricoltura, che anziché attivarsi per risolvere il caso particolare e con esso quello generale (come nelle intenzioni di Arzu) si è avventurata a dare risposte personali con dati sbagliati (le aziende di cui parla Arzu sono due) che hanno avuto anche la doppia colpa di mettere in discussone l’onestà dell’allevatore”.

“Sono momenti in cui serve buon senso e operatività e la collaborazione di tutti – affermano i dirigenti di Coldiretti Sardegna -. Il rincaro prezzi, la pessima annata e la burocrazia sta colpendo in modo indistinto tutto il comparto agricolo, per questo servono interventi immediati, a cominciare dallo sblocco delle pratiche comunitarie. Come sempre saremo di stimolo alla Giunta con le nostre proposte concrete ma saremo anche inflessibili perché il tempo è scaduto per tutti e si rischia sul serio di mettere in ginocchio migliaia di aziende agricole”.   

Domani mattina Coldiretti Sardegna sarà a Talana, insieme ai colleghi del settore suinicolo, dal suo socio Stefano Arzu.