• 7 Ottobre 2022
  •  

La studentessa di Nughedu S.N. Patrizia Nives Sanna tra i 9 finalisti del Premio letterario nazionale Energheia

Patrizia Nives Sanna Premio Energheia
Al concorso di Matera la ragazza ha presentato il racconto “L’Ombra della Falena”.

 

In un tempo dominato dalla scrittura abbreviata o a monosillabe, veloce, volatile, usata e buttata via subito dopo, c’è ancora chi crede all’importanza di un racconto che cementa memorie, luoghi, episodi e li riporta con arte per creare un altro tassello che comporrà il puzzle della nostra storia da tramandare.

Patrizia Nives Sanna di Nughedu San Nicolò chissà se ha pensato a tutto questo quando ha deciso di scrivere “L’Ombra della Falena” ma il suo racconto breve ha colpito nel segno tanto da essere selezionato tra i nove finalisti del XXVIII Premio Nazionale Energheia di Matera

Tutto ha inizio l’anno scorso nella prima liceo classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “A. Segni” di Ozieri con la docente Cristina Calaresu che coinvolge i propri alunni proponendo loro la stesura di alcuni racconti per partecipare così al bando di selezione del premio in Basilicata. Le opere inviate nella sezione racconti brevi per ragazzi dai 15 ai 21 anni sono sei, cinque di coppia e una individuale con un ottimo livello, accuratezza nella stesura e argomenti originali ma in un premio letterario nazionale che coinvolge decine e decine di istituti scolastici di ogni regione la concorrenza è altissima e la speranza di farcela inversamente proporzionale.

Gli studenti però hanno lavorato bene e con grande soddisfazione del dirigente Andrea Nieddu e della prof.ssa Calaresu a dimostrarlo arriva a sorpresa una comunicazione indirizzata a Patrizia Nives: “Gentile autrice/autore, desidero comunicarLe che il Suo racconto è stato selezionato tra i finalisti della ventottesima edizione del Premio letterario Energheia (…). Come Lei sa, un comitato di lettori composto da oltre seicento persone ha effettuato una valutazione dei racconti pervenuti da tutta la Penisola, tra i quali il Suo, selezionando i racconti per ciascuna sezione, con alcuni ex aequo. La Giuria, poche ore prima l’inizio della cerimonia di consegna del Premio, indicherà il vincitore della ventottesima edizione della manifestazione, il miglior soggetto per la realizzazione di un cortometraggio ed eventuali menzioni speciali”.

La ragazza e la docente si recano a Matera, meravigliosa città dei Sassi, capitale della cultura nel 2019 e patrimonio UNESCO e presenziano alla cerimonia finale insieme ad altri otto finalisti.

La studentessa ha modo di raccontare quale molla ha dato la spinta per imbastire il lavoro selezionato: sos contos de foghile che ascoltava con occhi sgranati uscire dalla bocca dei grandi, sangue, vendette, orgoglio e coraggio e una terra descritta con amore e cura così come anche l’amicizia che molto spesso va oltre il legame di sangue e diventa indissolubile. Su tutto aleggia l’ombra della Falena, animale a volte inquietante ed altre bene augurante, dai mille significati, esoterici, filosofici o leggendari che Patrizia Nives ha solo accennato per non svelare tutto e lasciare aperta la porta della curiosità per chi andrà a leggere il suo racconto.

La soddisfazione di essere giunta in finale si completerà con la pubblicazione nell’antologia del premio Energheia, in uscita a settembre 2023. L’opera verrà distribuita gratuitamente agli autori partecipanti, alle scuole e alle biblioteche italiane, allargando via via la platea dei riceventi sul territorio italiano.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it