• 19 Gennaio 2021
  •  
Logudorolive

+ 20% di vendita per il Pecorino etico solidale

Pecorino Etico Solidale Biraghi

Un + 20% di vendita per il Pecorino etico solidale che paga minimo un euro al litro al pastore produttore, sorto nel marzo del 2017 dall’accordo di filiera Biraghi-Coldiretti Sardegna.

Un formaggio, quello etico solidale grattugiato, composto da una miscela di 70% di pecorino sardo 100% e 30% vaccino Biraghi 100% latte italiano, che nello scorso mese di ottobre ha toccato il dato più alto di distribuzione ponderata (cioè l’indice che misura la distribuzione nei punti vendita in base al fatturato della categoria del prodotto): 38% (iper e super market), con una crescita di 5 punti percentuale rispetto allo stesso mese del 2019.

Tuttavia sono aumentati anche i volumi di vendita del Pecorino etico solidale che segnalano il + 20,14% a ottobre sempre rispetto ai dati dello stesso mese dell’anno prima, ossia oltre 150 quintali rispetto ai 126 del 2019.

Crescita che conferma quella di settembre (+39,38% rispetto a settembre 2019) e che quest’anno a gennaio ha segnato un + 84,67%, la percentuale più alta in assoluto nel raffronto tra mesi dell’anno prima.

Lo scorso anno il caseificio Biraghi ha acquistato dalla cooperativa pastori di Dorgali circa 1.500 quintali di pecorino, munto e trasformato in Sardegna.

«Siamo più che soddisfatti – commenta il presidente della cooperativa pastori Dorgali Leonardo Salis –. Le vendite vanno molto bene e Biraghi si conferma un partner serio che non solo rispetta gli accordi ma addirittura va oltre: hanno acquistato più pecorino degli accordi e stanno anticipando il ritiro».

«Pagano puntualmente 10 centesimi in più rispetto ai prezzi Clal e comunque, a prescindere dal mercato, il prezzo di acquisto del pecorino deve garantire ai nostri pastori minimo 1 euro al litro».

Oltre al formaggio per il pecorino etico solidale, il caseificio piemontese Biraghi acquista da Dorgali anche quello da destinare al nuovo prodotto nato dall’accordo di filiera con Coldiretti Sardegna.

+ 20% di vendita per il Pecorino etico solidale. Sorto nel 2017 da un accordo di filiera Biraghi-Coldiretti Sardegna.

«È un pecorino da tavola, lavorato a Dorgali con il latte munto in Sardegna – spiega il direttore di Coldiretti Sardegna Luca Saba –, un pecorino porzionato e confezionato grazie alle tecnologie moderne, con gusto dolce e delicato».

«Si presenta in una pratica confezione con apertura facilitata e zip “apri e chiudi” che contiene una fetta da 150 grammi senza crosta laterale, posizionata su un vassoio estraibile che permette al consumatore di riporla nella confezione o in frigo senza sporcarsi le mani».

«È un nuovo prodotto figlio di due anni di lavoro che rispetta sempre le condizioni del nostro accordo: deve garantire un prezzo equo ai pastori che non deve mai scendere sotto i costi di produzione. Ma come confermano dalla cooperativa Dorgali, Biraghi va anche oltre garantendo l’euro al litro di latte».

«Siamo orgogliosi di questo accordo di filiera – sottolinea il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu – un esempio virtuoso e replicabile in tutti i settori produttivi che garantisce una equa remunerazione a tutti».

«Fra quattro mesi il patto taglierà il traguardo dei quattro anni e conferma ogni mese, dati alla mano, che gli accordi di filiera sono possibili, aiutano a lavorare in trasparenza, a far crescere le vendite e la promozione dei prodotti made in Italy ma anche a far crescere la qualità e la sperimentazione di nuovi prodotti, oltre ad accrescere la fiducia con il consumatore, che anche in questo caso ci conferma che apprezza i prodotti made in Italy, di qualità ed etici in quanto garantiscono una remunerazione dignitosa anche al produttore».

Leggi anche: CASU ‘E BABBU DI GIANNI MELE AL PRESIDIO SLOW FOOD “PECORINO DELL’ALTA BARONIA”