• 3 Luglio 2022
  •  

L’ambasciatrice della Slovacchia in Italia, Karla Wursterova, in visita a Monti

Ambasciatrici slovacche Monti

MONTI. Giornata memorabile ieri per Monti e la Sardegna. L’ambasciatrice della Slovacchia in Italia, Karla Wursterova, accompagnata dalla vice, Petra Frankova, è stata ricevuta, nei locali del Municipio, dal sincaco Emanuele Mutzu a chiusura degli incontri istituzionali per il “Memorandum di collaborazione” fra la Regione autonoma di Presov e la Regione autonoma della Sardegna, di cui Monti è il comune capofila. Progetto che permetterà di gettare le basi per una futura e concreta collaborazione nel settore turistico, culturale, commerciale e religioso.

Monti amabasciatrice slovacchia

L’ambasciatrice Wurterova, e la vice Frankova, accompagnate dagli amministratori comunali, dal prof. Gavino Sanna, coordinatore del comitato tecnico scientifico regionale, e dai rappresentanti delle associazioni partecipanti al progetto a livello locale (Cantina del Vermentino, associazione “Sos Misureris”, associazione turistica Pro Loco, Coro Confraternita, Coro Galana e Coro Sos Balaros) hanno vissuto, a Monti, una giornata intensa e gratificante, grazie alla quale hanno avuto l’opportunità di verificare di persona le potenzialità che il piccolo ma operoso centro è in grado di offrire.

Nel corso della giornata, le due ospiti hanno visitato la Cantina del Vermentino, la chiesa parrocchiale di San Gavino ove è musealizzata la pisside “Gitimel”, la più antica della Sardegna, la caratteristica cripta ove si svolgono parte dei riti della settimana santa, il Museo etnografico “Luigi Pirisino-casa Franco”, memoria storica del paese, la Casa del Miele, dove hanno incontrato i ragazzi, di una classe dell’Istituto comprensivo,  impegnati nel progetto miele, guidate dalle professoresse Laura Spanu e Irene Pradella, le quali hanno accompagnato, successivamente, i ragazzi nell’azienda apistica Corda-Cosseddu.

Ambasciatrici in Slovacche a Monti

Le due ambasciatrici, conclusi definitivamente gli atti formali con i partner di progetto montini, sono ripartite con la convinzione che al di là del “Memorandum di Collaborazione”, si potranno avere, in futuro, ulteriori sviluppi.

Giuseppe Mattioli

nuvustudio