• 5 Marzo 2024
  •  

Basket, sabato e domenica ad Ozieri le Final Four di Promozione

Demones Basket Ozieri 2022 23
Si contenderanno la promozione in serie D i patroni di casa della Demones, l’Aurea Sassari, la Pallacanestro Nuoro e il CMB Porto Torres.

OZIERI. Sabato 27 e domenica 28 maggio il Palasport “Giampiero Murratzu” di Ozieri ospiterà le Final Four del girone Nord di Promozione maschile organizzate dalla Demones Basket. Aurea Sassari, Pallacanestro Nuoro, CMB Porto Torres e i padroni di casa della Demones Ozieri: queste le quattro formazioni che si affronteranno lungo la strada che porta alla promozione in serie D.

La Final Four prenderà il via sabato 27 maggio alle 18 con la prima semifinale tra Pallacanestro Nuoro e CMB Porto Torres. A seguire alle 20.30, il secondo confronto tra Demones Ozieri e Aurea Sassari. Domenica sarà la giornata dedicata alle due finali: alle 18 quella per il terzo e quarto posto, mentre alle 20.30 andrà in scena l’attesa sfida per la prima piazza.

Silvia Mesina

Come detto sarà la Demones ad organizzare le Final Four; tra le società più antiche del panorama cestistico sardo (settima assoluta per “anzianità” del numero di matricola Fip nell’Isola), la Demones Basket Ozieri nasce nel 1958 dalla passione di un gruppo di studenti affascinati dalle gesta sportive delle “Scarpette Rosse” dell’Olimpia Milano. In 65 anni di storia ha saputo consolidare la sua posizione nel panorama cestistico regionale, conseguendo importanti traguardi e riconoscimenti e sfiorando la promozione in C regionale per 4 stagioni consecutive tra il 2007 e il 2010. 

Negli ultimi cinque anni, nonostante la pandemia che ha fermato il mondo sportivo dilettantistico per oltre un anno, la Demones ha portato avanti le proprie attività con importanti risultati: la squadra Under 18 nell’anno 2020, stagione interrottosi a marzo per l’emergenza sanitaria, virtualmente in finale regionale; costante presenza nei campionati giovanili Under 15, 17 e 19; disputa della finale girone Nord Promozione a.s. 2021/2022, classificandosi al 2° posto. Un ritorno, dopo molti anni, tra le più importanti realtà del basket isolano.

La presente stagione sportiva ha visto la squadra di Promozione della Demones costantemente al comando della classifica riportando, tra regular season e fase orologio, solo due sconfitte. Un dominio assoluto che permette di organizzare a Ozieri le Final Four, dimostrando ancora una volta la qualità della scuola cestistica ozierese, formatasi nel corso di 65 anni di storia, sostenuta e tramandata con convinzione da un gruppo dirigenziale affiatato e capace, che ha pochi eguali nelle realtà dello sport dilettantistico.

Le 4 squadre finaliste

Demones Basket Ozieri, senza dubbio la squadra più attesa del lotto, sia perché è sempre stata al comando della classifica (solo due ko in tutta l’annata), sia perché può godere del fattore campo favorevole. Coach Cadoni è alla guida di un gruppo che punta sul mix di gioventù ed esperienza. Tanti i giocatori abituati a categorie superiori: dal play Biosa a Corraduzza, passando per Longu, Pisu e i fratelli Giovanni e Andrea Serra (quest’ultimo capocannoniere del campionato con oltre 21 punti di media). Nel roster anche i “locals” ozieresi, pronti a gettare il cuore oltre l’ostacolo. Da non sottovalutare, infine, i ragazzi dell’Under 19, capaci di offrire un contributo notevole, soprattutto nel finale di campionato. Tutto il paese è pronto a sostenere una realtà che, per passione, numeri e organizzazione, merita senz’altro palcoscenici più prestigiosi.

Pallacanestro Nuoro: club fondato nel 1990, eredita l’ottima tradizione cestistica del Capoluogo barbaricino. Ha chiuso la stagione al secondo posto in classifica, tenendo il ritmo della Demones: appena 5 le sconfitte incassate tra regular season e fase a orologio. In un roster costruito con l’obiettivo di valorizzare i ragazzi cresciuti nel settore giovanile, coach De Lucia può fare affidamento sul talento dell’argentino Francisco Avila, che ha viaggiato a quasi 14 punti di media dimostrandosi elemento di categoria superiore. Da seguire anche Bassanello (ottimo tiratore piedi per terra), Puddu e Beccu, mentre tra gli under si sta guadagnando sempre più spazio il giovanissimo regista Bussalai. I “Sirbones” puntano ad arrivare il più lontano possibile anche per regalare una soddisfazione al capitano Antonio Zidda, fermato qualche settimana fa da un grave infortunio al tendine d’Achille.

CMB Porto Torres: la mina vagante della Final Four. Dopo una fase di assestamento iniziale è cresciuto alla distanza, vincendo la fase a orologio con ben 7 vittorie e una sola sconfitta (terzo posto finale). L’inserimento dell’imponente pivot colombiano Pablo Hurtado ha cambiato gli equilibri di una squadra che poteva comunque già contare su diverse individualità di spicco: su tutti Pitzalis, Ruzzu, Lungheu e il playmaker Barbagallo. Coach Paolo Verano, affiancato dal lavoro del preparatore atletico Carlo Poggioli, ha plasmato un collettivo davvero ricco di risorse. Altra compagine storica del panorama sardo, il CMB si è sempre distinto per la grande attenzione rivolta al settore giovanile, capace negli anni di vincere svariati titoli giovanili. Numerosi gli Under già presenti in prima squadra. L’obiettivo è sorprendere, ma soprattutto alimentare un progetto che vuole essere duraturo negli anni. 

Aurea Sassari: è la società più giovane del lotto… in tutti i sensi! Fondata nel 2016, ha iniziato a prendere parte ai campionati Fip a partire dalla stagione 2019/2020. Il presidente Norberto Pellicano ha plasmato una realtà che affonda le sue radici nell’ambiente universitario sassarese: numerosi giocatori del roster guidato da coach Marongiu sono infatti studenti di Medicina che arrivano da varie zone d’Italia e d’Europa. Terzi in regular season (11 vittorie e 5 sconfitte) e poi quarti dopo la fase a orologio (4 successi e altrettanti stop), nel corso del campionato i sassaresi hanno dato filo da torcere a quasi tutte le altre partecipanti alla Final Four, e si presentano dunque come underdog pronto a colpire alla minima distrazione avversaria. Giocatore da seguire: Alessandro Pacifico (playmaker, 26 anni. Si presenta a Ozieri con tre escursioni in doppia cifra nelle ultime 3 gare) Il pienone non sarà solo sugli spalti: le Final Four di Ozieri potranno infatti godere di ampia visibilità sui social e sulla stampa locale grazie alla sinergia siglata con Basketland, realtà comunicativa dedicata al basket sardo con quasi 3mila followers sulle principali piattaforme social.

Basketland trasmetterà in diretta streaming sulla sua pagina Facebook e su quella della Demones Ozieri tutte le quattro gare con telecronaca e interviste ai protagonisti a cura di Laura Fois e Roberto Rubiu e seguirà passo dopo passo la competizione con foto, post sui social e comunicati stampa.

La dirigenza della Demones Ozieri ha pensato davvero a tutti i dettagli organizzativi, e così, sugli spalti del PalaMurratzu i tifosi delle quattro squadre impegnate nella competizione potranno acquistare anche la maglia celebrativa delle Final Four. 

Questo, nei dettagli, il programma: sabato 27 maggio, ore 18: Pallacanestro Nuoro-CMB Porto Torres; ore 20.30: Demones Ozieri-Aurea Sassari. Domenica 28 maggio, ore 18: finale 3°/4° posto; ore 20.30: finale 1°/2° posto.

Raimondo Meledina

In copertina: i ragazzi della Demones Basket Ozieri

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.