• 28 Maggio 2022
  •  

Boom di contagi Covid a Ozieri, il sindaco Murgia: «Il momento è critico»

Ozieri piazza Cantareddu

Balzo dei contagi Covid a Ozieri. «Dai dati del portale Emergenza Coronavirus di ATS – comunica il sindaco Marco Murgia – risultano positive 21 persone e 45 sono in quarantena». Tra le persone in quarantena «ci sono i parenti dei positivi ma, anche, almeno 15 soggetti risultati positivi al tampone antigenico effettuato in farmacia e nell’unità mobile della società Sprint, che sta eseguendo lo screening presso la stazione di servizio di Petretto».

Leggi anche: Il sindaco Murgia: «A Ozieri presenti 5 casi di Covid.

«A questi – continua il Sindaco – vanno aggiunti almeno una decina di altri positivi all’antigenico che ancora non sono stati presi in carico dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica e quindi non risultano nel portale Emergenza Coronavirus di ATS. La situazione è quindi in rapido peggioramento e al momento l’unico segnale positivo sembra essere l’assenza di casi con sintomatologia grave e di ricoveri».

Per fronteggiare la circolazione del virus, il primo cittadino raccomanda a tutti di «rispettare le norme base per contrastare la diffusione del virus e cioè lavare bene e frequentemente le mani, mantenere la distanza, utilizzare sempre la mascherina (ricordo che ora è obbligatorio tenerla anche all’aperto) e di rispettare le prescrizioni dell’ultimo Decreto Legge».

Pertanto, per completare l’azione del decreto ministeriale, il sindaco ha emesso un’Ordinanza in cui si dispone:

1. La sospensione del programma delle attività e degli eventi natalizi che prevedano riunioni in spazi chiusi ed aperti.

2. Il divieto di organizzare feste e riunioni pubbliche all’aperto o al chiuso.

3. La sospensione di forme di intrattenimento di qualsiasi natura musicale e non, nei locali pubblici o privati, sia all’interno che all’esterno dei locali stessi.

4. Divieto assoluto di sostare all’esterno dei suddetti locali al fine di evitare assembramenti.

«Restano alcuni giorni di festa e dobbiamo prendere coscienza che la fine della pandemia non è ancora a portata di mano – conclude Murgia –, che il momento è critico e che molto dipende da noi, dal nostro comportamento e dalle attenzioni che vorremo dedicare alla lotta contro la circolazione del virus».

Ottica Muscas