• 29 Novembre 2021
  •  

Boom di contagi a Monti, segnalati 16 casi di positività al Covid

MONTI. «Dopo un lungo periodo, in cui il nostro Comune non ha registrato nessun caso Covid-19, un aumento di casi come questo non va assolutamente sottovalutato, anzi, richiede la massima attenzione da parte di tutti, soprattutto nel rispettare alcune semplici regole che già conosciamo: l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale ed il distanziamento».

È l’amaro commento del sindaco di Monti, Emanuele Mutzu, sorpreso dall’entità del numero: ben 16 infatti i cittadini risultati positivi al Covid-19. Il primo cittadino, in un comunicato reso sui social, rivolgendosi alla popolazione ha lanciato l’allarme, portando all’attenzione della comunità il numero aggiornato dei contagiati e la nuova situazione epidemiologica, con tanti cittadini in isolamento. Fatto questo che dovrebbe far riflettere, visto che il Comune da free, vede salire l’indice dei positivi al Covid-19 in doppia cifra. (continua dopo la pubblicità)

Mutzu, dopo aver appreso i dati, tramite le informazioni dei medici di base e degli stessi diretti interessati, ha voluto verificare la condotta dei contagiati. «Questi cittadini – scrive – si trovano in quarantena presso la loro abitazione, così come i rispettivi contatti stretti».

Con la speranza che altri, per i più disparati ed incomprensibili motivi, non abbiano nascosto la positività, continuando a vivere normalmente fra la comunità. A questo proposito il Sindaco invita la popolazione a «farsi parte diligente nel collaborare con l’amministrazione per contenere la diffusione del virus e tenere aggiornata la mappatura della situazione epidemiologica». Si rimette al senso civico della gente: «Le persone positive al Covid-19 devono interrompere da subito la raccolta differenziata: i rifiuti prodotti presso le abitazioni di soggetti positivi rispettano un calendario diverso e vengono ritirati separatamente, al fine di tutelare l’operatore della ditta dei rifiuti che si occupa del ritiro».

Mutzu, in conclusione, si appella alla cooperazione dei compaesani: «Invito chi ancora non lo avesse fatto, a sottoporsi alla vaccinazione, fatelo per voi stessi, per le persone che vi stanno vicine, e per la collettività tutta, al fine di scongiurare il rischio di far crescere ancora il numero dei contagiati in paese. Ad oggi i vaccini rappresentano l’unico strumento per contrastare la pandemia».

Giuseppe Mattioli