• 5 Dicembre 2021
  •  

Calano i contagi in Sardegna, un caso a Nule. Il sindaco di Bono rassicura i cittadini

Primi segnali positivi per quanto riguarda il numero di contagi in Sardegna, sono solo 22 infatti i casi di Covid riscontrati oggi (ieri 70). Salgono a 2.114 i positivi accertati nell’Isola dall’inizio dell’emergenza. Resta invariato il numero delle vittime, 134 in tutto.

In totale sono stati eseguiti 134.534 (+ 1.134) tamponi. Sono invece 28 (+ 4 rispetto a ieri) i pazienti ricoverati in ospedale. Accresce di un unità rispetto a ieri il numero dei pazienti in terapia intensiva, 3 in totale. Le persone in isolamento domiciliare sono 681. I pazienti guariti sono 1.264 (+ 1), a cui si aggiungono 4 guariti clinicamente.

Nelle circoscrizioni territoriali, dei 2.114 casi positivi accertati, 383 (+5) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 217 (+2) nel Sud Sardegna, 65 nella Provincia di Oristano, 125 (+3) nella Provincia Nuoro, 1.324 (+12) nella Provincia Sassari.

Nule. Anche nel piccolo centro goceanino è stata riscontrata la prima positività al Covid-19. A renderlo noto sul suo profilo social il sindaco Antonio Giuseppe Mellino: «Il paziente da me sentito, sta bene e si trova in isolamento».
Nonostante la situazione sia sotto controllo il sindaco raccomanda ugualmente prudenza rispettando tutte le precauzioni anti Covid, soprattutto il distanziamento sociale.
«Non c’è vergogna – conclude Mellino – ad ammettere di aver paura e a proteggersi, la vera ignominia è utilizzare il virus per continuare a veicolare ignoranza, perché discoteca o meno tutti potremmo contrarre il coronavirus, e questo di sicuro non è assolutamente una colpa».

Anche a Bono, con una nota sulla pagina istituzionale del comune, è intervenuto il sindaco Elio Mulas per tranquillizzare la popolazione: «Vogliamo rassicurare, per quanto possibile, i cittadini che ad oggi (30 agosto) non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione di positività, riguardante persone residenti nel nostro Comune, da parte dell’ATS. Questa rassicurazione non ci esime dal rispettare le norme vigenti, ribadiamo quindi la necessità dell’uso delle precauzioni: uso delle mascherine, distanza di sicurezza e igiene continua delle mani. Semmai dovesse esserci una comunicazione di positività da parte dell’ATS, sarà nostra premura comunicarlo tempestivamente, così come previsto dalle norme vigenti».

Nella foto: uno scorcio dell’abitato di Nule