• 15 Maggio 2021
  •  

Castelsardo, un’area fitness a cielo aperto nella ciclopedonale di Lu Bagnu

CASTELSARDO. Si veste di nuova vita e nuove idee la passeggiata ciclopedonale di Lu Bagnu. Nei giorni scorsi infatti, oltre al completamento di un nuovo tratto, sono stati installati sui prati che si affacciano sul Golfo dell’Asinara i nuovi attrezzi “Workout Fitness” per essere messi a disposizione dei numerosi sportivi che utilizzano il percorso.

«L’Amministrazione Comunale ha investito per la realizzazione di una vera e propria palestra a cielo aperto – dichiara l’assessore al turismo Valeria Sini –. Un’idea – continua – nata con lo scopo di arricchire i servizi rivolti, non solo ai cittadini, ma anche ai numerosi turisti che scelgono di passare le vacanze nella nostra località. Sarà una proposta accessoria che valorizzerà l’offerta turistico-ricettiva della Città».

Studio legale Niedda Masala

Iniziativa lungimirante, dunque, visto anche il particolare momento storico, dove con la chiusura delle palestre, delle piscine e degli impianti sportivi, che si protrae ormai da oltre un anno, praticare lo sport all’aria aperta potrebbe rappresentare una soluzione valida per garantire lo “svago sportivo” a costo zero.

«Oggi, anche in virtù dei limiti dovuti alla pandemia in corso, è fondamentale incoraggiare, in modo alternativo, lo svolgimento dell’attività fisica e motoria – aggiunge l’assessore allo sport Roberto Pinna – per questo motivo abbiamo ritenuto fondamentale attivarci per promuovere iniziative per la pratica dello sport».

Si punta quindi sui benefici che lo sport produce in termini di benessere psico-fisico e di miglioramento delle relazioni sociali.

«Ci affidiamo al senso di responsabilità di tutti i frequentatori dell’area – conclude l’assessore Pinna – sono beni che appartengono a tutta la collettività, confidiamo che saranno utilizzati con cura e rispetto».

La stessa pista ciclopedonale ha visto, recentemente, anche la conclusione dei lavori di completamento con la realizzazione della pavimentazione in calcestruzzo architettonico, la costruzione di uno slargo a chiusura del percorso, la sistemazione delle ringhiere esistenti, il posizionamento di panchine-belvedere in pietra, il completamento di aree da destinare al verde e, infine, il posizionamento dei pali per l’illuminazione.

Leggi anche: CASTELSARDO, LA ROCCIA DELL’ELEFANTE PUNTA ALL’UNESCO