• 3 Marzo 2024
  •  

Cossoine, avviati nell’ufficio postale i lavori del progetto “Polis”

Ufficio Postale di Cossoine
La continuità di tutti i servizi sarà garantita da uno sportello dedicato a Pozzomaggiore. La sede sarà riaperta il 25 gennaio.

COSSOINE | 17 gennaio 2024. Sono partiti oggi nell’ufficio postale di Cossoine i lavori del progetto “Polis – Casa dei Servizi Digitali”, che nel Meilogu ha già interessato le sedi di Banari, Giave e Torralba. Gli interventi comprendono la completa ristrutturazione e riorganizzazione degli spazi, il miglioramento del confort ambientale, l’inserimento di nuovi arredi progettati per facilitare l’accesso ai servizi e le operazioni e altri importanti miglioramenti in ottica di ottimizzazione del confort ambientale.

Durante il periodo dei lavori, a partire da domani giovedì 18 gennaio, Poste Italiane garantirà ai cittadini di Cossoine la continuità di tutti i servizi attraverso uno sportello dedicato nell’ufficio postale di via Matteotti a Pozzomaggiore, secondo i consueti orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.35 e il sabato fino alle 12.35. L’ufficio postale di via delle Querce riaprirà nella rinnovata sede, salvo imprevisti, giovedì 25 gennaio.

OZIERI M 1 ezgif.com optimize

«L’ufficio postale di Cossoine – spiega Marcello Lepuri, direttore della filiale provinciale di Poste Italiane di Sassari – è la quarta sede nel Meilogu, la dodicesima in provincia di Sassari, a essere inserita nell’ambito di “Polis”, l’iniziativa aziendale dedicata ai comuni con meno di 15mila abitanti, un progetto ambizioso che ha l’obiettivo di mettere a disposizione dei cittadini, presso gli sportelli degli uffici postali, molti servizi della PA e soprattutto il mantenimento della presenza capillare di Poste in tutti i comuni al di sotto dei 15mila abitanti, anche nelle più piccole realtà».

«Nella Sardegna Settentrionale sono già terminati i lavori in nove sedi, sono in corso a Monti e Torralbae, in 84 uffici della provincia – sottolinea Lepuri – è già possibile richiedere i primi tre “certificati” INPS direttamente a sportello: il cedolino della pensione, la certificazione unica e il modello “OBIS M”, che riassume i dati informativi relativi all’assegno pensionistico».

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.