• 22 Gennaio 2022
  •  

Firmato a Monti un accordo promozionale tra Sardegna e Slovacchia

L’obiettivo è garantire la promozione e la valorizzazione del settore enogastronomico e culturale della Sardegna. Oltre a Monti, Comune capofila, hanno aderito anche Usini, Tempio Pausania, Oristano, San Nicolò D’Arcidano e Pattada.


MONTI. “La Slovacchia è più vicina”. Parafrasando un vecchio adagio, comunque, sempre attuale, non foss’altro per il consolidamento delle già ottime relazioni fra Italia e una delle ultime Repubbliche nate in Europa, indipendente dal 17 luglio 1992 e membro dell’UE dal 2004.

Due anni orsono il primo progetto con la partecipazione della Sardegna e del Comune di Monti al Festival “Viva Italia” (Gastronomie e Kultury) nella città di Poprad, in Slovacchia: quest’anno il bis! È stato firmato ufficialmente, nel corso di una conferenza stampa a Monti, Comune capofila (gli altri centri aderenti sono Usini, Tempio, Oristano, San Nicolò D’Arcidano e Pattada), l’Accordo di rete, per l’attivazione di un partenariato fra i rispettivi enti pubblici e realtà private della Sardegna e della Regione Presov (Slovacchia), 52 in tutto, con lo scopo di garantire la promozione e valorizzazione del settore enogastronomico e culturale della Sardegna.

Per Monti l’obiettivo è dunque rafforzare le ottime relazioni con Poprad, dare continuità e stabilità al progetto “Viva Italia” promosso e coordinato dal manager Fabio Bortolini, dall’associazione “Pro Mesto”, che si terrà nella città slovacca tra il 25 e il 28 agosto prossimo.

Forti degli ottimi rapporti istituzionali e privati maturati nel corso della prima esperienza di due anni orsono, la Sardegna e la Regione di Presov si rincontrano per proseguire un’esperienza più che positiva.

La delegazione Slovacca, giunta nell’Isola martedì scorso, composta da Ondrej Kavka, vice sindaco di Poprad – comunità coorganizzatrice del festival –, da Jàn Furman, assessore all’Istruzione regione autonoma Presov, da Stefania Migasova dell’assessorato al Turismo regione di Presov, da Jana Andrascikova, direttore generale del consorzio turistico regionale della Slovacchia nord-orientale, da Maria Brezinova, addetto stampa regionale di Prevos e da Fabio Betolini, presidente associazione “Pre Mesto” fondatore del festival Viva Italia e delegato scuola alberghiera Otto Bruckner di Kezmarok, è stata accolta a Monti dal sindaco Emanuele Mutzu, che ha fatto gli onori di casa, unitamente a Gavino Sanna, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Regionale e dagli esponenti degli enti pubblici e privati, aderenti al progetto.

Gli ospiti, dopo aver visitato la Cantina del Vermentino, un’azienda apistica, il santuario di San Paolo, la chiesa di San Gavino con la Cripta e il calice Gitimel, il più antico della Sardegna, hanno preso parte all’incontro istituzionale presso i locali della Comunità Montana “Monte Acuto” per la firma dell’Accordo.

Gavino Sanna ha ripercorso le tappe più significative del progetto, mentre i membri della delegazione slovacca hanno sottolineato l’importanza del partenariato, e la speranza che i sardi, con questa iniziativa, scoprano la Slovacchia. Gli altri intervenuti hanno posto in risalto le potenzialità della Sardegna che sarà sicura protagonista. Nell’occasione il presidente dell’associazione culturale “Sos MedurerisMario Fiori ha conferito a Fabio Bortolino della “Pro Mesto” una targa con la nomina a socio onorario. La delegazione slovacca, sabato ha fatto ritorno in patria.

 Giuseppe Mattioli