• 15 Maggio 2021
  •  

Inaugurato l’Hub vaccinale di Ozieri alla presenza dell’assessore Nieddu

Il nuovo Hub vaccinale di Ozieri potrà arrivare a somministrare fino a 700/800 dosi al giorno.

Il nuovo Hub vaccinale di Ozieri è stato inaugurato ufficialmente questa mattina con la benedizione dei locali da parte del vescovo diocesano Corrado Melis e alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu, del presidente del Consiglio regionale Michele Pais e del consigliere regionale Nico Mundula. Alla cerimonia hanno partecipato per il Comune di Ozieri: il sindaco Marco Murgia, il vice Gigi Sarobba e il presidente della commissione Covid Davide Giordano. Presenti inoltre i responsabili dell’Hub, il direttore sanitario dell’ospedale Segni Silvia Ogana e il coordinatore Filippo Fele, nonché il responsabile del Dipartimento di Prevenzione dell’Ats Sassari Franco Sgarangella e il presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Sassari Nicola Addis.

Il centro, operativo ormai già da giovedì 8 aprile, nei primi due giorni ha permesso la vaccinazione di quasi 400 persone, numero però ancora troppo basso rispetto alla tabella di marcia e le potenzialità della struttura allestita all’interno del quartiere fieristico di San Nicola. In questa fase purtroppo sono pesate le incertezze sul vaccino AstraZeneca e la scarsa affluenza da alcuni paesi del Distretto, specialmente da quelli del Goceano. La speranza di tutti è che nei prossimi giorni questa fase interlocutoria sia superata da un maggior afflusso.

Nel Distretto sanitario di Ozieri l’AstraZeneca spaventa più del virus

Da sin.: il presidente dell’Ordine dei Medici della Provincia di Sassari Nicola Addis, il Vescovo di Ozieri Corrado Melis, l’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu e il sindaco di Ozieri Marco Murgia

Anche perché, come ha sottolineato l’assessore Nieddu, l’operatività del dell’Hub vaccinale di Ozieri è strategica e importante per tutto territorio, in quanto avviene proprio nel momento in cui è necessaria un’accelerazione unitaria delle somministrazioni in tutta la Sardegna.

Un cambio di passo sollecitato tra l’altro dal ritorno dell’Isola, da lunedì 12 aprile, al rispetto delle più severe misure di contenimento della pandemìa. «Purtroppo – commenta Nieddu – ci ha condannato l’RT, il quale, anche se è l’unico parametro fuori scala, è stato sufficiente, come da protocollo, per mandarci in zona rossa».

L‘assessore Nieddu: «Incrementare le vaccinazioni per abbattere la curva dei contagi».

«È chiaro che questa è una pessima notizia per la già fragile economia della nostra Isola – continua Nieddu –, ma faremo di tutto per rimanerci il meno possibile. Dobbiamo infatti sfruttare queste settimane per abbattere drasticamente la curva dei contagi e tornare al più presto alla normalità, facendo leva con l’incremento delle vaccinazioni».

Sull’idea del governatore Solinas di acquistare i vaccini (leggi), per ora «questa opportunità non è concessa alle Regioni – spiega l’Assessore –. Lo ha ribadito lo stesso generale Figliuolo, in occasione della visita in Sardegna, ma anche il ministro Speranza, che qualunque Regione dovesse avere la possibilità di acquistarli, gli stessi verranno messi alla disponibilità della struttura commissariale che li dividerà secondo i criteri adottati fino ad ora. Allo stato attuale, comunque, non credo sia una strada percorribile».

Il Sindaco di Ozieri: «Ringrazio l’assessore Nieddu per aver avuto la sensibilità di venire a inaugurare il punto vaccinale in una realtà marginale come quella del Logudoro-Goceano, e così anche il presidente del Consiglio Regionale Michele Pais».

«L’apertura del punto vaccinale di San Nicola, centro di riferimento di tutto il Distretto sanitario di Ozieri – ha commentato il sindaco Marco Murgia –, è stato un impegno non indifferente per l’Amministrazione comunale che ha lavorato intensamente insieme agli uffici dell’ATS per rendere operativo un servizio che potenzialmente può arrivare a sostenere fino a 800 vaccinazioni al giorno».

«Ora – prosegue Murgia – speriamo di uscire da questa confusione che si è creata intorno al vaccino AstraZeneca e che sta creando un po’ di problemi, con comunicazioni che cambiano in continuazione. Nonostante tutto però siamo certi che appena verranno fugati i dubbi sull’AstraZeneca e quando arriveranno gli altri vaccini, il Centro potrà essere ancor di più il punto di riferimento per tutto il territorio».

Il consigliere regionale Nico Mundula con il sindaco di Ozieri

Il consigliere regionale Nico Mundula: «Per la Sardegna l’obiettivo è arrivare a 15mila vaccinazioni giornaliere».

Per il consigliere regionale e membro della Commissione sanità Nico Mundula «il centro è importante per Ozieri e per il territorio perché è una struttura che a pieno regime potrà riuscire, se ci saranno vaccini e personale sufficienti, a garantire 700 somministrazioni al giorno. Così da contribuire con gli altri Hub territoriali dell’Isola ad avvicinarci a quel famoso numero di oltre 15.000 vaccinazioni giornaliere – 450 mila al mese – in tutta la Sardegna, ipotizzate dal Commissario Figliuolo. Numeri che ci permetterebbero di arrivare alle porte dell’estate con l’80% della popolazione sarda immunizzata».

«Speriamo però – conclude Mundula – che quanto prima vengano definiti i protocolli di somministrazione del discusso vaccino AstraZeneca, in modo tale che la vaccinazione sia regolare e si possa ritornare al più presto alla normalità, perché tutti vogliamo uscire da questo terribile incubo».