• 30 Luglio 2021
  •  

Ippodromo di Chilivani, 3^ giornata della riunione primaverile

Il convegno avrà inizio alle ore 14,40 di lunedì 26 aprile.


Il programma delle corse primaverili all’Ippodromo di Chilivani, articolato su nove giornate, cerca di dare risposte alla numerosa schiera di cavalli in allenamento che aspirano a cimentarsi in pista alla ricerca del risultato qualificante ma anche remunerativo dal punto di vista economico. Per questo la Segreteria ha tenuto conto del numero dei cavalli disponibili nelle varie razze e categorie e ha predisposto formule e condizioni per cercare di dare una “chance” a tutti.

Il convegno avrà inizio alle 14,40 e, come ormai noto, si svolgerà a porte chiuse. Alla prima corsa Premio Dott. Benedetto D’Alessio, sono iscritti sette cavalli purosangue che saranno montati dai Gentleman riders, gli appassionati cavalieri dilettanti che amano l’ebbrezza della corsa in pista. Ex Lover di Alfiero Mereu viene indicato come primo favorito e, dopo di lui, Dipinto di Ladu e Piras, non nuovo a buone performances e Lorqueen di Mario Murroccu.

Ceramiche Farina

A seguire il Premio Cortal per purosangue anziani con dieci concorrenti, distanza di 1800 metri, quasi tutti con buone possibilità di entrare nel marcatore mentre per la vittoria i più gettonati sarebbero Heart of stone di Daniela Tedde, Lady Gavoi di Giovanni Floris e Offsider di Pasquale Corrias senza trascurare Angel You di Alberto Piccinnu e Crastu de l’Alguer della Scuderia S. Giuliano. Balentia doc di Fabrizio Cappai appare troppo gravata di peso.

Dopo i debutti dei puledri anglo arabi nella giornata di apertura, altri soggetti scendono in pista per la prima volta, segno che il parco dei cavalli è piuttosto nutrito e occorre favorirne il primo approccio con l’impegno agonistico. Perciò è stato previsto questo Premio Ekosistems Srl per maschi e femmine a fondo arabo. L’eco della pista ci fa pervenire i nomi dei soggetti più in forma che rispondono ai nomi di Chiocciola di Costantino Calaresu, Chimera Love di Giovanni Piras e Chi l’ha visto di Salvatore Canu ai quali aggiungiamo Comente cheres di Mario Salvatore Cossu  per la genealogia.

Altra corsa per debuttanti è il Premio Giovanni Vittorio e Andrea Mulas, riservato a sole femmine anglo arabe di tre anni qualificate a fondo inglese, cui sono iscritti ben sedici soggetti. Corsa affollata dunque nella quale il buon grado di addestramento alle gabbie oltre alla preparazione fisico-atletica, giocheranno un ruolo determinante. Calamity Jane di Gianfranco Sanna sembra godere dei favori del pronostico, abbinata a Carmenna di Antonio Efisio Pinna e a Carmilla di Tomaso Manchia.

Tornano in pista gli anglo arabi anziani rimasti ancora sulla breccia nel Premio La Dea Madre Viaggi, distanza di 1600 metri, nove iscritti, fra i quali Bobborino di  Salvatore Farina potrebbe emergere su Baobab di Pietro Salvatore Cossu e Baahir di Ignazio e Mario Mura.

Il programma della serata all’Ippodromo di Chilivani si conclude con il Premio Mesu ‘e Rios riservato ai purosangue arabi di 4 anni ed oltre, 15 cavalli iscritti fra i quali Aquila Nera della signora Manuela Daverio sembra poter vantare una certa preferenza, ma dovrà vedersela con Bellagioia di Roberto Moro che vanta ottimi risultati nella passata stagione. Altri soggetti pericolosi potrebbero rivelarsi Uragano di Chia (Aspa Srl), Bantu de Zamaglia (Luigi Comida) e Biubau de l’Alguer (Scuderia S. Giuliano).

Diego Satta

In copertina foto di repertorio: Cavalli al tondino, il momento degli “ordini di Scuderia” ai fantini.

Leggi anche: IPPODROMO DI CHILIVANI: POSITIVO DEBUTTO DEI PULEDRI PURO SANGUE ARABI