• 25 Maggio 2022
  •  

Ippodromo di Chilivani, i risultati della 2^ giornata della riunione primaverile

Ippodromo Chilivani Santino Canu
Interessante e divertente pomeriggio ippico con il debutto delle femmine di tre anni.

CHILIVANI – sabato 16 aprile. Un pomeriggio primaverile con una calda temperatura ha accolto un numeroso e partecipe pubblico che non ha voluto disertare lo spettacolo ippico, nonostante la vigilia pasquale.

In apertura si è disputato il Premio Assicurazioni Cattolica Ozieri riservato a puro sangue arabi di 4 anni ed oltre cui partecipavano 10 fra i migliori soggetti in attività. Andava subito in testa il grigio Belshastar della signora Manuela Daverio e conduceva sino all’ultima piegata tallonato da Vulcanobybonorvesu, Rebalton de Pine e Bellagioia. Vulcano progrediva durante la curva ed era il primo a scattare verso il palo. Tre cavalli si davano quindi battaglia lungo la dirittura fin sul palo che, solo dopo attento esame del fotofinish, dava ragione a Vulcanobybonorvesu (F. Deriu-L. Puggioni-N. Murru) che la spuntava di una testa su un coriaceo Rebalton de Pine e su una positiva Bellagioia. Quarto Abu di Gallura.

Nel Premio Bar Caffè Polo Ozieri hanno debuttato 15 femmine a fondo arabo subito messe alla frusta dal ritmo impresso da Dalacara che conduceva sino a metà dell’opposta dirittura quando veniva rilevata da Didone de Aighenta che trascinava fra le altre la favorita Dama Durbecco (A.E. Pinna propr. e allenatore-S. Gessa) che con imparabile progressione regolava nell’ordine Delia Duel, Dominedda e Donna Danzica. L’ordine di arrivo, particolarmente a sorpresa, ha determinato una quota della scommessa trio di 2.950 €.

Fra le femmine debuttanti di puro sangue arabo si è assistito alla rivelazione di Durkal (F. Pes proprietario e allenatore) che ha sfruttato l’andatura imposta da Dama di Barbagia, in evidenza fino all’imbocco nella dirittura finale, scattando con ottimo spunto verso il traguardo, nelle mani di Nino Murru. La figlia di Nizam ha avuto presto ragione della battistrada che è finita solo quarta, superata nel finale anche da Donnavventura e Dasaev del Meilogu.

Le debuttanti a fondo arabo si sono sfidate nel Premio Tennis Club Ozieri, subito animato dalla coppia della scuderia Francesco Testoni, Dalida e Diana de Bonorva che hanno condotto all’avanguardia sino alla piegata. All’ingresso in dirittura tentava di involarsi Diana de Bonorva mentre a centro pista andava in progressione Luci del Monte Acuto (R. Sanna-F. Brocca) che insisteva fin sul palo per superarla di una corta testa. Per il fantino Gregorio Arena il primo successo sulla pista di Chilivani. Al terzo e quarto posto Dalida de Bonorva e Panorama da Clodia.

Altri puledri anglo arabi a fondo inglese debuttanti nel Premio Incontru Tenute Cantine Aini di Berchidda. Dark Mary con GL. Fresu in sella tentava il “coast to coast” (da un capo all’altro) e conduceva al comando per buona parte del percorso, presentandosi ancora in testa all’ingresso in dirittura. Rinvenivano però in progressione gli inseguitori fra i quali la spuntava Dulliriana Lady (S. Canu-F. Brocca-M. Manca) davanti a Denise Beauty, D’Andrea e Discolo. La generosa Dark Mary solo quinta.

Infine si è disputato il Memorial Pietro Alberto Brocca, in onore del giovane cavaliere che perse la vita dopo una sfortunata caduta in corsa, nell’ippodromo di Pisa. La Targa-ricordo offerta dalla famiglia è stata vinta da Giovanni Floris proprietario del vincitore Torna a Surriento, allenato da F. Oppes e montato da Marco Gaias, che con un travolgente rush finale ha battuto Offsider di un’incollatura. È seguita la commovente cerimonia della premiazione che ha visto schierati i cavalieri partecipanti alla corsa per rendere omaggio al loro sfortunato collega. La prossima giornata di corse all’ippodromo di Chilivani è prevista per sabato 23 aprile.

Diego Satta

In copertina: il proprietario di Dulliriana Lady, Santino Canu, riceve il Premio Cantine Aini di Berchidda (Foto Diego Satta)

Farina 1