• 29 Novembre 2021
  •  

Luca Saba è il nuovo presidente del Lions Club Ozieri

Presidente Lions Club Ozieri Luca Saba

Cambio di presidenza in casa Lions Club Ozieri, con il testimone che passa dalle mani di Agostino Sechi a quelle del 39enne Luca Saba. L’avvicendamento ufficiale è avvenuto sabato 30 ottobre scorso in un noto ristorante cittadino dove si è svolto il tradizionale “passaggio di campana”. Dopo tanti mesi di riunioni tenute in modalità telematica, quasi tutti i soci, accompagnati dalle rispettive consorti, hanno così colto l’occasione di ritrovarsi dopo un lungo e forzato periodo di “lontananza” dovuto alle restrizioni dettate dalla pandemia. Un appuntamento – a detta dei presenti –, vissuto in un’atmosfera di giovialità, ma soprattutto di liberazione e sollievo, come se ci si stesse finalmente, passo dopo passo, riappropriando delle vecchie consuetudini.

Nel corso della cerimonia il presidente uscente Agostino Sechi, nel suo discorso di fine mandato, ha ripercorso con orgoglio le attività più rilevanti dell’annata lionistica appena trascorsa, «sicuramente molto faticosa – ha detto –, ma fruttuosa e ricca di soddisfazioni».

«Nonostante la pandemia e l’impossibilità di vedersi regolarmente – ha continuato il past-president Sechi –, abbiamo dimostrato veramente come opera un club di servizio come il nostro. Infatti, neanche per un solo giorno di questo tragico periodo abbiamo scordato il nostro motto “noi serviamo” e, forti di questo, ci siamo dati da fare per dare un valido supporto alla nostra comunità».

Tra le iniziative portate a termine durante la sua presidenza, Sechi ha ricordato le diverse raccolte alimentari organizzate durante i periodi più bui della pandemia in favore delle famiglie in difficoltà della città, e la conseguente scelta di acquistare le derrate a Ozieri per sostenere le attività commerciali.

«Siamo stati tra i primi – ha sottolineato inoltre Sechi – a riuscire a procurare le introvabili mascherine ffp2, consegnandole 1000 al Comune di Ozieri, alle case di riposo e alle Forze dell’ordine assieme a diversi litri di gel disinfettante». Ed ancora «due defibrillatori donati alle scuole, una fornitura di materiale sanitario ospedaliero per la Brigata Sassari che partiva in Libano, nonché l’attivazione del “libro parlato” presso la biblioteca comunale, con la possibilità per i nostri concittadini di poter accedere ad oltre 10.000 audiolibri». «A tutto ciò si sommano tanti altri piccoli, ma tangibili interventi di sostegno a singole persone in difficoltà», ha concluso Agostino Sechi.

Dal canto suo invece il neo presidente Luca Saba nel suo intrevento programmatico ha confermato che la sua azione «sarà improntata sul proseguimento delle attività degli anni precedenti, sia a livello locale, ma anche svolgendo iniziative a carattere nazionale», in considerazione «dell’internazionalità dell’associazione».

Intanto, la presidenza Saba si è già distinta nei giorni scorsi con un service di grande impatto sociale con la donazione al Circolo pensionati “Pinuccio Becca” di un defibrillatore. Un dono molto apprezzato non solo dal sodalizio, ma anche da tutta la comunità ozierese che ora potrà contare sulla disponibilità di uno strumento salvavita nel centro della città, unito alla presenza costante di personale addestrato al suo utilizzo.

Ad affiancare il presidente Luca Saba nella gestione dello storico club ozierese, nato nel 1959, saranno il vice presidente e segretario maestro Nino Arras, il tesoriere dott. Vincenzo Floris, il censore dott. Franco Sechi, il cerimoniere dott. Gianluca Manca, l’informatico Paolo Gallo ed i consiglieri Pinuccio Aini, Pietro Casula, Pinuccio Comida, Antonio Falzoi, Gavino Dettori e Giovanni Sanna.
A dimostrazione della grande considerazione di cui gode il Club di Ozieri a livello nazionale, sono stati chiamati ad importanti incarichi a livello distrettuale i soci Raffaele Bogliolo, Gianluca Manca e Antonio Falzoi.