• 29 Novembre 2021
  •  

Monti, fruttuoso viaggio culturale di una delegazione del paese a Lublino in Polonia

MONTI. Prosegue con successo la partecipazione agli scambi culturali in ambito europeo del Comune di Monti, capofila del “Progetto Interculturale – Viva Italia”, assieme ad altri enti e associazioni sarde. Dopo diversi giorni trascorsi a Lublino, antica capitale del Regno di Polonia, la folta delegazione isolana ha fatto rientro in Sardegna. Il viaggio in terra polacca è stato per i partecipanti ricco di soddisfazioni e molto gratificante, anche sotto l’aspetto dalla positività delle relazioni avviate. La scelta è ricaduta sulla città di Lublino (340mila abitanti) in quanto capoluogo del Voivodato, centro ricco di monumenti e chiese, nonché sede dell’Università cattolica, per secoli esempio di tolleranza, abitato da ebrei, ruteni, protestanti, cattolici e diverse altre etnie.

La rappresentanza sarda, guidata dal coordinatore del comitato tecnico scientifico regionale Gavino Sanna e rappresentata dal Ministero della Pubblica Istruzione, nel breve soggiorno ha incontrato le massime autorità della città e firmato con il sindaco un protocollo d’intesa “finalizzato alla promozione e valorizzazione della produzione enogastronomica e culturale di tutta la Sardegna”. I delegati delle realtà del Comune montino (Cantina del Vermentino, Pro loco, Confraternita, Associazione culturale Sos Mesureris, i cori Sos Balaros e Terra Galana e il gruppo folk San Paolo), hanno proposto con orgoglio ad ogni occasione “l’Oro di Monti”, quel prelibato Vermentino Docg che ha deliziato i palati dei polacchi, divenendo di fatto il protagonisti del soggiorno in Polonia e del Progetto Interculturale.

La predisposizione a socializzare, fraternizzare, fare nuove amicizie, dei sardi, e in particolare dei montini, ha fatto breccia sulla forma mentis e punto di vista dei polacchi, spianando la strada verso nuove opportunità. Non è la prima volta che ciò accade, in occasione di scambi culturali di ambito europeo. Lo scorso mese di agosto, infatti, una numerosa rappresentanza è volata, per la seconda volta, a Poprad, nella regione di Presov, in Slovacchia, per partecipare al Festival di gastronomia “Viva Italia” dove ha avuto un grande successo, cosa che si è ripetuta anche questa volta a Lublino, stabilendo ottime relazioni, che hanno aperto un varco per il futuro.

Giuseppe Mattioli