• 30 Gennaio 2023
  •  

Ozieri. Messa in sicurezza del cimitero comunale, il consigliere Manca: «Servono almeno 500mila euro»

IMG 20221022 101437
Iniziate le interlocuzioni con la Regione per il reperimento delle risorse necessarie per dare avvio agli urgenti lavori sul muro di contenimento presente nella parte nuova.

OZIERI. Un grosso e preoccupante problema strutturale. È la criticità riscontrata in una parte del cimitero comunale, in particolare nel muro di sostegno presente nel settore ovest, quello che si affaccia sulla strada provinciale 1 Ozieri-Chilivani. L’argomento è stato oggetto di discussione ieri, venerdì 16 dicembre, durante la seduta del Consiglio comunale, a seguito della segnalazione del consigliere di minoranza Gian Luigi Sotgia. L’esponente di “Ozieri Civica”, si è fatto portavoce di diversi cittadini a oggi impossibilitati a far visita ai propri cari. Infatti, dallo scorso 28 novembre la parte interessata è stata giustamente interdetta al pubblico per l’oggettivo pericolo di crolli. Sotgia, pertanto, ha chiesto alla Giunta quali interventi sono in agenda per risolvere quanto prima il problema.

Leggi anche: Ozieri. Pericolo crolli, chiusa al pubblico la parte ovest del cimitero

La risposta puntuale è arrivata dal capogruppo di maggioranza Luca Manca che ha spiegato la situazione e i passi che si spera portino al reperimento delle risorse finanziarie per dare inizio ai lavori di consolidamento.

«Si parla di 120 metri lineari di muro di contenimento, alto 5,50 metri – ha sottolineato il consigliere Manca –. Di questi 120 metri, 96 sono interessati da lievi smottamenti. Infatti, nelle varie sezioni del muro, dove sono presenti i giunti di dilatazione, sono evidenti dei piccoli spostamenti nella parte superiore».

Muro cimitero

Segnali preoccupanti che sollecitano, dunque, un intervento quanto mai urgente per evitare crolli e frane di una parte del cimitero contenuta proprio dalla struttura in questione.

L’eventuale opera di messa in sicurezza non sarà semplice, ha evidenziato però Manca, «perché, essendo presenti delle tombe familiari a monte, a circa 2,5-3 metri dal muro, così come a valle, intervenire sarà complicato». Per avere un quadro più chiaro sul da farsi «insieme all’assessore Giuseppe Volpe – ha proseguito il capogruppo – abbiamo fatto fare una verifica e un controllo informale al presidente dell’Ordine degli ingegneri di Sassari Antonio Sanna. Dal sopralluogo sono scaturite tre soluzioni di intervento». Quindi, «abbiamo incontrato, alla presenza dell’assessore al Bilancio Barbara Polo e al sindaco Marco Peralta, l’assessore ai Lavori pubblici della Regione in carica fino a quel momento, Aldo Salaris, e abbiamo dato una direttrice alla possibilità di un finanziamento».

Becugna copia

Nel frattempo, prosegue Manca, «abbiamo contattato il nuovo assessore regionale Pier Luigi Saiu, il quale ci ha dato disponibilità per un incontro. Andremo quindi a Cagliari per verificare quale formula più precisa, puntuale e celere ci possa essere per trovare le risorse necessarie. L’importo non sarà meno di 450/500mila euro».

Per quanto riguarda invece l’altra problematica strutturale registrata a monte, quella che interessa una parte dei loculi presenti nella parte vecchia, «abbiamo intenzione di intervenire celermente», ha concluso il capogruppo di maggioranza.

Leggi anche: Degrado e pericolo crolli nel cimitero di Ozieri

Le altre notizie su Logudorolive.it

Agenzia Funebre Franco Mu