• 2 Marzo 2024
  •  

Ozieri. I ragazzi delle Medie di Punta Idda ripuliscono il boschetto e le strade vicine alla scuola

Ozieri ragazzi scuola media pulizia ambiente
Armati di guanti hanno raccolto insieme ai docenti lattine di birra, mozziconi di sigaretta, contenitori in vetro e cartoni. Poi hanno sistemato dei cartelli contenenti messaggi che invitano i cittadini al rispetto dell’ambiente.

OZIERI. La tutela del Pianeta, dicono gli esperti, è fatta anche e soprattutto di azioni individuali e collettive in cui ognuno di noi può diventare partecipe e protagonista nel rispetto dell’ambiente e della sua indispensabile salvaguardia. Di un’azione concreta in questo senso sono stati protagonisti, nei giorni scorsi, gli alunni delle tre classi della Scuola Media di Punta Idda di Ozieri, che hanno dato vita ad una radicale azione di pulizia del vicino boschetto, delle strade adiacenti all’istituto e al vicino palazzetto dello sport.

Si è trattata di un’iniziativa che ha concluso, per l’anno in corso, l’insegnamento dell’Educazione Civica, che di fatto ha coinvolto tutte le discipline e i docenti Cau, Baralla, Solinas, Ladoni, Tatti, Seu e Dettori.

Mesina 3 sconti

Si è lavorato – spiegano gli insegnanti – sugli obiettivi posti dall’Agenda 2030, per lo sviluppo sostenibile, che è un insieme di linee guida ed azioni firmato nel 2015 dai governi di 193 Paesi, tra i quali l’Italia, membri dell’ONU. Queste azioni sono ispirate a sradicare la povertà, eliminare la fame, diffondere il benessere, fornire un’istruzione inclusiva e di qualità per tutti, garantire l’apprendimento continuo.

Su queste premesse teoriche, si è innestata l’azione concreta dei ragazzi e degli insegnanti, che in una mattinata hanno proceduto alla raccolta e alla differenziazione dei rifiuti, cominciando dal polmone verde della città, il boschetto dedicato allo sportivo e insegnante Fausto Manunta.

Cartelloni ecologici boschetto Ozieri

Forniti di guanti, decine di ragazzi hanno raccolto un quantitativo enorme di lattine di birra, mozziconi di sigaretta, contenitori di vetro e cartoni, lasciati purtroppo da frequentatori poco rispettosi dell’ambiente, nonostante le periodiche pulizie effettuate dagli operatori del comune.

Alunni ed insegnanti non si sono però limitati alla pulizia, ma hanno completato il messaggio educativo realizzando dei cartelli che sono stati sistemati nei punti strategici del parco. Protagonista di tutta la segnaletica è l’ape, cioè l’insetto che risulta maggiormente minacciato dagli ambienti degradati e dagli evidenti cambiamenti climatici in corso. 

L’augurio è che il messaggio e l’invito siano raccolti da tutti i cittadini, perché vivere in una città più pulita e vivibile è interesse di tutti, non solo delle nuove generazioni.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.