• 24 Luglio 2024
  •  

Olbia. Arrestato 25enne nigeriano, nello stomaco aveva 20 ovuli di cocaina

Ovuli nigeriano arrestato Porto Olbia
La droga, circa 250 grammi, immessa sul mercato avrebbe potuto fruttare oltre 60mila euro.

OLBIA. Un cittadino nigeriano di 25 anni è stato arrestato per traffico di sostanza stupefacente dai Militari Fiamme Gialle del Gruppo Olbia in servizio all’Isola Bianca. Il giovane appena arrivato al porto, è stato segnalato dai cani antidroga – Betty, Joy, Holiver e Tassa, giovani malinois i primi due, e pastori tedeschi, gli ultimi – tra i passeggeri in coda agli sbarchi pedonali dalla motonave proveniente da Livorno.

Nonostante l’esito negativo della prima perquisizione personale, avendo notato l’atteggiamento particolarmente preoccupato del soggetto, i Finanzieri hanno deciso di accompagnarlo per ulteriori approfondimenti all’ospedale di Olbia. Grazie agli accertamenti medici, sono stati individuare oltre 20 “corpi estranei” nello stomaco dell’uomo. Gli ovuli contenevano complessivamente circa 250 grammi di cocaina di altissima qualità che una volta tagliata ed immessa sul mercato avrebbe potuto fruttare oltre 60mila euro.

Al termine delle attività, il 25enne è stato arrestato per traffico di sostanze stupefacenti e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Tempio Pausania che ne ha ordinato l’immediato trasferimento nel carcere di Bancali a Sassari.

L’attività svolta dalle unità cinofile del Gruppo si inquadrata nel più ampio dispositivo di controllo e repressione dei traffici illeciti disimpegnato nei principali punti di accesso del Nord Sardegna, soprattutto in questo periodo dell’anno che vede lo scalo portuale gallurese quale punto nevralgico della rotta per gli approvvigionamenti di sostanze stupefacenti.

Leggi le altre notizie su Logudorolive.it

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Logudorolive nella tua casella di posta, inserisci il tuo indirizzo e-mail nel campo sottostante.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.