• 24 Luglio 2021
  •  

La Guardia di Finanza di Nuoro celebra il 247° anniversario di Fondazione del Corpo

bilancio operativo 2020 della Guardia di Finanza di Nuoro

Presentato nell’occasione il bilancio operativo 2020 delle Fiamme gialle nuoresi.


NUORO. Nella giornata di oggi il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Nuoro, ha celebrato, presso la Caserma “Giovanni Antonio Pira”, il 247° anniversario di Fondazione del Corpo.

Anche quest’anno, nel rispetto delle misure connesse con l’emergenza epidemiologica Covid-19, la tradizionale ricorrenza si è svolta in forma ridotta.

Alla presenza del Vicario del Prefetto di Nuoro, Luca Dessì, è stata deposta una corona di alloro, ai piedi del monumento intitolato al Fin. Falqui Raimondo, in memoria di tutti i finanzieri caduti nell’adempimento del proprio dovere. La cerimonia è stata, inoltre, l’occasione per fare il bilancio sul lavoro svolto dai finanzieri del Comando Provinciale di Nuoro.

Dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’Ordine del Giorno Speciale del Comandante Generale, Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, ha preso la parola il Comandante Provinciale, Col. Alessandro Ferri, che ha illustrato l’attività delle Fiamme Gialle di Nuoro nell’anno appena trascorso.

In particolare, è stata posta in risalto l’attività della Guardia di Finanza di Nuoro rivolta al contrasto degli illeciti nel settore della spesa pubblica, dell’evasione e delle frodi fiscali a protezione e a tutela dei cittadini onesti e degli operatori economici rispettosi delle regole.

Importanti, inoltre, sono state le attività a contrasto ai traffici illeciti e l’attività in concorso, con le altre Forze di Polizia, correlate al mantenimento dell’ordine e sicurezza pubblica in relazione all’emergenza sanitaria in atto.

BILANCIO OPERATIVO DEL 2020 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI NUORO


Nel corso dell’anno 2020 la Guardia di Finanza di Nuoro ha eseguito 2.633 interventi ispettivi e 592 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile in tutti gli ambiti della propria missione istituzionale.

LOTTA ALL’EVASIONE, ALL’ELUSIONE E ALLE FRODI FISCALI

La lotta all’evasione fiscale è stata posta in essere considerando i gravi effetti sull’economia, anche di questo territorio, causati dall’adozione delle necessarie misure di contenimento della pandemia in atto. L’attenzione dei finanzieri di Nuoro, si è, pertanto, concentrata, sui fenomeni in grado di causare effetti distorsivi della concorrenza particolarmente dannosi soprattutto nei periodi di crisi.

Il contrasto alle forme di evasione fiscale (Tutela delle Entrate) ha consentito di denunciare alle Procure della Repubblica 6 soggetti per reati fiscali e di individuare 7 evasori totali, cioè soggetti che svolgono attività economica ma sconosciuti al fisco, poiché non hanno presentano la prevista dichiarazione dei redditi.  

Sono stati attuati 51 interventi tra verifiche e controlli, che hanno portato alla constatazione di ricavi sottratti all’imposizione sui redditi per circa 2,5 milioni di euro, nonché un’evasione IVA per circa 200mila euro.

L’attività ispettiva è stata orientata verso quelle situazioni che presentano rischio elevato di evasione, analizzando le posizioni più proficue sotto il profilo dei risultati operativi. Inoltre sono state effettuati sequestri patrimoniali per un ammontare di circa 750mila euro.

In un’ottica di un approccio trasversale, sono stati intrapresi piani di azione anche nel settore del lavoro sommerso, che hanno permesso di individuare 16 lavoratori totalmente in nero e 3 lavoratori irregolari. Sono stati, inoltre, verbalizzati 16 datori di lavoro per l’utilizzo di manodopera irregolare.

Nel settore delle accise sui prodotti energetici, sono stati eseguiti 16 controlli e verifiche che hanno permesso di verbalizzare altrettanti soggetti.

CONTRASTO AGLI ILLECITI NEL SETTORE DELLA TUTELA DELLA SPESA PUBBLICA

La Guardia di Finanza ha dedicato, nel corso del 2020, 10 Piani operativi al contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica e a quelle condotte che, mettendo a rischio la legalità e la trasparenza che devono connotare l’azione della Pubblica Amministrazione, pregiudicano la corretta allocazione delle risorse, favorendo sprechi, truffe, malversazioni e indebite percezioni.

Si tratta di un settore strategico per il Paese, in quanto il corretto impiego dei fondi pubblici sostiene il tessuto economico nazionale, consente di affrontare le condizioni di disagio in cui possono trovarsi i cittadini e le famiglie, contribuisce a contenere l’esborso complessivo dello Stato e si traduce, in ultima analisi, in un miglioramento complessivo della qualità della spesa, permettendo che essa possa conseguire gli obiettivi cui tende: benessere, crescita e sviluppo.

In questo campo, l’azione svolta dagli uomini del Comando Provinciale di Nuoro ha consentito di verbalizzare due soggetti che avevano percepito o richiesto, illecitamente, finanziamenti pubblici per oltre 70mila euro.

Effettuati 75 controlli su ticket sanitari e sulle prestazioni sociali agevolate che hanno permesso di individuare 44 posizioni irregolari, cosiddetti “falsi poveri” (circa il 58% dei casi – soggetti che, pur di accedere a determinati benefici, hanno comunicato dati non corrispondenti al vero). È opportuno rammentare che, talvolta, la condotta di questi soggetti crea un danno non solo alla casse pubbliche ma anche a quei cittadini che, pur avendone diritto, non percepiscono il contributo richiesto in quanto si vedono sopravanzati da coloro che attestano indebitamente il falso.

43 sono gli interventi in materia di “reddito di cittadinanza” dei quali 23 risultati irregolari. Ammontano a circa 204mila euro i contributi illecitamente percepiti, tutti in materia di “reddito di cittadinanza”.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ECONOMICO-FINANZIARIA

La strategia perseguita dalla Guardia di Finanza mira la contrasto di ogni forma di infiltrazione e degli interessi finanziari, economici e imprenditoriali della criminalità organizzata ed economico-finanziaria, attività di rilevanza assoluta nello scenario che va a profilarsi, contraddistinto dall’urgente necessità di tutelare la sicurezza economico finanziaria a salvaguardia del “sistema Paese” nella delicata fase post emergenza.

In quest’ottica, si è proseguito nell’opera di rafforzamento dello sviluppo degli accertamenti patrimoniali in applicazione della normativa antimafia, anche nei confronti di soggetti connotati da “pericolosità economico-finanziaria”, ed il monitoraggio delle diverse manifestazioni della criminalità nel territorio di riferimento.

Sono stati effettuati 10 accertamenti patrimoniali nei confronti di altrettanti soggetti. Ed eseguiti 22 tra approfondimenti di segnalazioni di operazioni sospette, ispezioni e controlli antiriciclaggio.

Altro settore estremamente rilevante sotto il profilo della tutela del cittadino è quello della sicurezza dei mercati dove sono stati segnalati ai fini amministrativi 3 soggetti e sequestrati circa 1.000 prodotti, per violazioni in materia di sicurezza dei prodotti.

Nell’ambito del contrasto agli illeciti economici riguardanti i reati societari e fallimentari sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria 6 persone che si sono rese responsabili di distrazione patrimoniale per un valore di circa 500mila euro.

Incessantemente continua la collaborazione istituzionale con l’Autorità Prefettizia, quale fulcro del sistema di prevenzione antimafia in ambito provinciale, attraverso l’esecuzione di 946 approfondimenti, a seguito di richieste pervenute dalle Prefetture, propedeutici al rilascio della pertinente certificazione.

IL CONTROLLO DEL TERRITORIO

Nel 2020 sono stati realizzati vari piani di intervento a contrasto dei traffici illeciti con l’impiego di 1.961 pattuglie nell’arco di tutto l’anno.

Ogni giorno la Guardia di Finanaza di Nuoro è impegnata, anche con le pattuglie a disposizione del servizio di pubblica utilità 117, per il quale, nel 2020, nel territorio della provincia di Nuoro, sono state impiegate 1.460 pattuglie.

LE OPERAZIONI DI SOCCORSO E IL CONCORSO NEI SERVIZI DI ORDINE E SICUREZZA PUBBLICA

Prosegue incessante la quotidiana azione di soccorso della componente specialistica della Guardia di finanza, impegnata nelle principali e più complesse operazioni di salvaguardia della vita umana in ogni ambiente e contesto.

In tale ambito operano i militari altamente specializzati del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (S.A.G.F.), della Stazione di Nuoro, in grado di operare, in tutto il territorio della regione, in ambiente montano, impervio e non antropizzato, costantemente supportato dal comparto aereo del Corpo, a garanzia della tempestività degli interventi.

Durante il 2020, in diverse occasioni è stato chiesto l’intervento dei militari specializzati della Stazione del Soccorso Alpino Guardia di Finanza (S.A.G.F.) di Nuoro, per attività di soccorso e per attività di ricerca persone scomparse, nel corso delle quali i militari della Stazione hanno affiancato le altre componenti istituzionali, attive nel particolare contesto. Tra le richieste di soccorso si annoverano quelle da collegare all’attività di scalatori caduti durante una arrampicata in uno dei numerosi siti presenti, in particolare, nella Provincia di Nuoro. Fra questi, si menziona il soccorso effettuato lo scorso mese di agosto, in territorio di Ulassai, che si è risolto con il salvataggio del malcapitato, dopo un intervento di primo soccorso sul posto in attesa dell’elisoccorso.