• 19 Aprile 2021
  •  
Logudorolive

«Programmazione, sviluppo e coerenza»: Emanuele Mutzu punta alla riconferma con la lista “Insieme per Monti”

Sindaco di Monti Emanuele Mutzu

MONTI. Il sindaco uscente Emanuele Mutzu ci riprova con la lista “Insieme per Monti”. Infatti, il 45enne avvocato di Monti da 10 anni alla guida del paese, il 25 e il 26 ottobre sarà impegnato a condurre la sfida per la “conquista” del palazzo Comunale contro il collega Gerando Pileci, in campo con il gruppo “Monti Obiettivo Comune”.
«Il nostro programma elettorale vuole incidere nei settori strategici del paese con il proposito di favorirne lo sviluppo e la crescita in ogni suo aspetto». Così il sindaco Mutzu che, seppur forte dell’esperienza amministrativa acquisita in questi ultimi due mandati, è consapevole che l’impegno da mettere in campo anche stavolta «è intriso di difficoltà, sia a causa della burocrazia farraginosa che delle risorse sempre più limitate». Tutto questo però non rappresenta un freno alle ambizioni della lista “Insieme per Monti”, che può contare dentro le sue fila su un mix di esperienza e novità, con giovani ben motivati e seri. «Il mio gruppo – spiega Mutzu – ha ben chiaro cosa vuol fare per la comunità», cioè «proseguire nel percorso intrapreso e portare a termine le opere e le azioni programmate nei precedenti mandati», amplificando il confronto con la cittadinanza e puntando sui «principi cardine come la condivisione, il lavoro, la legalità, la legittimità, la programmazione e la coerenza».

Tra le priorità, oltre quelle che ha appena elencato, c’è senz’altro quella di tutela e sostegno dei soggetti più deboli delle comunità. Quali azioni avete in mente per potenziare i servizi sociali?
«Certamente, le persone svantaggiate vanno assolutamente aiutate, per questo motivo ci prefiggiamo di avviare azioni mirate in favore dei nostri anziani, come l’attivazione del “servizio di telesoccorso” e il servizio di trasporto per quelli che vivono in solitudine, ma anche per gli ammalati che devono recarsi nelle strutture ospedaliere di Olbia per sostenere le visite mediche come ad esempio i nefropatici. Allo stesso tempo promuoveremo incontri con le famiglie con lo scopo di individuare e affrontare i problemi dei nuclei familiari che avranno bisogno di sostegno».

La cultura e l’istruzione sono campi importati per la crescita di una comunità, che cosa intendete fare su questi settori?
«Per la cultura e la pubblica istruzione, il nostro obiettivo è quello di consentire al cittadino di avere a disposizione adeguati strumenti formativi, ricreativi, educativi, culturali e tecnologici. Tutto ciò si potrà mettere in azione con la nuova biblioteca, grazie alla quale saremo promotori nell’organizzare vari eventi culturali, tra cui le presentazioni di libri. Inoltre, per tutte le associazioni presenti in paese, provvederemo alla concessione degli spazi e delle aule che saranno lasciate libere, dopo che sarà attivato il nuovo polo scolastico, nella struttura occupata ora dalla scuola secondaria».

E sul fronte turistico?
«Tra le priorità c’è sicuramente il completamento della pratica per il riconoscimento del Museo Etnografico e il suo inserimento nel circuito museale regionale. Allo stesso tempo sarà basilare proseguire il lavoro di promozione di Monti di concerto con le Associazioni e la Pro Loco, arricchendo il calendario degli eventi annuali e delle manifestazioni già consolidate negli anni e mettendo in risalto le eccellenze del paese e del territorio».

La salvaguardia dell’ambiente è diventata una priorità per tutti i comuni, quali azioni intendete portare avanti in questa direzione?
«Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti, mi preme sottolinearlo, siamo partiti nel 2015 con una percentuale di differenziata che si attestava sul 50%, oggi siamo arrivati al 92%. Dato quest’ultimo che con un ulteriore sforzo possiamo ancora incrementare. Nel 2021 poi è previsto il nuovo appalto del servizio d’igiene urbana, per questa scadenza abbiamo in mente un progetto finalizzato al suo miglioramento, inserendo, per esempio, la pulizia periodica meccanizzata delle caditoie e delle piazze principali del paese e della frazione di Su Canale. Un altro proposito a cui teniamo è quello di proseguire in tutte quelle azioni d’investimento sulle energie rinnovabili, effettuando interventi di efficientamento energetico nelle strutture comunali. Per quanto riguarda il verde è nostra intenzione, in chiave anche turistica, riqualificare la pineta comunale, valorizzando e recuperando gli spazi, le fontane, i percorsi e le aree picnic».

Tra le responsabilità di un’amministrazione c’è senza dubbio la regolamentazione urbanistica e la sicurezza del territorio, quali sono le azioni in programma per questi due ambiti strategici?
«In questi anni l’Amministrazione ha approvato il Piano particolareggiato del centro storico e il nuovo Piano di assetto idrogeologico sull’intero territorio comunale. Per cui è indispensabile attivare subito l’iter per giungere all’approvazione del nuovo PUC, in adeguamento al PAI e al PPR. In virtù del progetto della L.R. n. 29 del 1998 “Tutela e valorizzazione dei centri storici della Sardegna”, continueremo inoltre l’attività di sensibilizzazione per il recupero delle case fatiscenti nel centro storico. Un esempio della validità di questo progetto è rappresentato dalla riqualificazione di cinque immobili privati tra cui il Palazzo Baronale, mentre per parte pubblica è previsto il miglioramento del gradone/marciapiede sopraelevato della via Garibaldi, dalla Chiesa Parrocchiale al Monumento ai Caduti. Sul versante della sicurezza del territorio, in seguito dell’alluvione Cleopatra del 2013, come Amministrazione comunale abbiamo realizzato una serie d’interventi infrastrutturali tra cui quattro nuovi ponti di attraversamento stradale su corso d’acqua. Attualmente, dopo aver ottenuto nel 2018 un finanziamento regionale di 4 milioni e 200mila euro, è in corso di progettazione l’opera idraulica finalizzata alla mitigazione del rischio idrogeologico all’interno del centro abitato. Il nostro obiettivo è quello di realizzare l’opera idraulica entro il 2023».

La sua Amministrazione in questi anni ha pianificato diversi interventi pubblici, alcuni si ultimeranno nei prossimi mesi, altri sono in fase progettuale, nel nuovo programma invece che cosa prevedete?
«Il primo obiettivo è quello di concludere i lavori, finanziati con i fondi regionali, del nuovo Polo scolastico e del neo campo sportivo, sostenuto invece dal programma del Piano di sviluppo territoriale. Un intervento quest’ultimo che si lega a quello che è la nostra idea di potenziamento strutturale, cioè il reperimento di fondi per l’ampliamento dell’albergo comunale per aumentare la disponibilità dei posti letto e creare così le condizioni per poter ospitare squadre di calcio professionistiche e staff tecnico per le preparazioni di precampionato o dei prepartita.
Da menzionare, tra i lavori in itinere, anche “Reti sicurezza”, un intervento che prevede l’installazione di sistemi di videosorveglianza all’interno del paese e nella frazione di Su Canale, e che si avvale di un finanziamento di 70 mila euro stanziati dall’Assessorato Affari Generali della Regione Sardegna. In fase di completamento anche la ristrutturazione e messa in sicurezza della Casa comunale per la quale l’Amministrazione ha ricevuto un finanziamento di 400mila euro nell’anno 2019 dall’Assessorato Regionale ai Lavori Pubblici.
Tra gli altri interventi in programma c’è anche la realizzazione di un centro di smielatura ed invasettatura nel primo piano del Centro sociale della costruenda “Casa del Miele”. Iniziativa che potrebbe rappresentare un punto di riferimento per gli apicoltori di Monti e per tutto il nord Sardegna. Con i fondi ministeriali stanziati per il prossimo quinquennio (50mla euro l’anno) si prevede inoltre una progressiva riqualificazione della rete di illuminazione pubblica di Monti e della frazione di Su Canale, così da ottimizzare i costi dei consumi e diminuire l’impatto ambientale. Con il sostegno dell’ATS è nostra intenzione realizzare anche un centro di riabilitazione presso la scuola di Su Canale. Per la frazione abbiamo previsto per altro la riqualificazione del Centro sociale e dell’area circostante. Altri possibili interventi inseriti nel nostro programma sono la realizzazione delle rotatorie all’ingresso del paese, la ristrutturazione di alcune piazze e del parco giochi, riqualificazione e ampliamento del cimitero comunale e la costruzione di una pista ciclo pedonale nell’area ex ippodromo».

Candidati consiglieri della lista “Insieme per Monti”: Giuseppe Antonio Balzanti, Pietro Casu, Gavino Chessa, Massimiliano Deledda, Guido Isoni, Alessandra Maria Lutzu, Salvatore Nieddu, Gian Domenico Padre, Marco Raspitzu, Gavino Sanna, Debora Tuveri, Massimo Padre.