• 5 Dicembre 2021
  •  

Pronti 700mila euro per la riqualificazione della sede dei Vigili del Fuoco di Bono

La Regione riavvia i cantieri di opere pubbliche incompiute con una robusta dotazione di risorse in favore delle imprese. L’esecutivo ha approvato così la rimodulazione del Piano regionale delle Infrastrutture programmando in favore degli Enti locali risorse per 27.795.000 euro. A beneficiarne saranno 53 Comuni distribuiti in tutte le province della Sardegna (oltre al Consorzio bonifica del Nord Sardegna e all’Unione dei Comuni del Barigadu), le cui opere potranno finalmente uscire dagli elenchi delle cosiddette incompiute.

Il parroco di Bono don Mario Curzu mentre benedice i locali del nuovo distaccamento dei Vigili del Fuoco inaugurato il 10 agosto scorso

In questi finanziamenti rientra anche l’intervento di riqualificazione dell’ex carcere di Bono, già destinato ad accogliere il neonato distaccamento dei Vigili del Fuoco. Il sito, che fa parte dell’elenco di opere oggetto della rimodulazione di risorse del Piano regionale delle Infrastrutture di recente approvazione da parte della Giunta regionale, verrà riqualificato grazie a un finanziamento di 700mila euro e rientra tra le incompiute di pertinenza comunale.

«Dotare i territori di infrastrutture efficienti è la risposta più adeguata che possiamo dare ai territori – spiega l’assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia –. Seguendo questo principio, in linea con le esigenze di modernizzazione dei piccoli e grandi Comuni, abbiamo impresso una importante accelerata sul fronte della realizzazione delle incompiute». «Stiamo agendo – continua Frongia – di concerto con gli Enti locali, andando a individuare le opere più utili alle Comunità ma non ancora fruibili a causa di una serie di ritardi cristallizzati nel tempo. Intervenire a sostegno dei Comuni, come nel caso di Bono, è il modo più concreto che abbiamo per rispondere alle esigenze dei cittadini sardi e per contribuire alla ripresa economica della Sardegna».

Grazie al finanziamento il Comune di Bono potrà ora procedere con l’espletamento delle pratiche relative al completamento dell’ex carcere per metterlo a disposizione dei Vigili del Fuoco e restituirlo alla Comunità.